sabato 10 settembre 2016

Facebook aggiorna algoritmo del News feed contro titoli Click baiting


Facebook ha intensificato la propria azione per combattere il "click baiting", ossia il metodo grazie al quale siti e blog pubblicano notizie con titoli sensazionalistici a cui però non corrisponde un contenuto, per attrarre utenti e ottenere maggiore guadagno in termini pubblicitari. Il social network ha cominciato da circa due anni la battaglia contro tale pratica ed effettuato il "down rank" degli articoli in base al tempo di lettura di ogni post e la diversità della fonte dei contenuti. Facebook ha annunciato che l'algoritmo che regola il News Feed è stato modificato proprio per evitare che vengano inserite nel flusso di notizie quei post che sfruttano la curiosità degli utenti per aumentare il numero di visualizzazioni.

Facebook ha inoltre deciso di bloccare l'azione dei tool anti pubblicità, con una modifica che li renderebbe inefficaci sulla versione desktop. "Il nostro obiettivo con News Feed è quello di mostrare alla gente le storie più rilevanti per loro - storie classificate in modo che ciò che è più importante per ogni persona si presenta più in alto nel loro news feed. Quando il nostro rank apporta migliorie al News Feed, facciamo affidamento su una serie di valori fondamentali. Questi valori - che abbiamo usato per anni - guidano il nostro pensiero, e ci aiutano a mantenere l'esperienza centrale del News Feed intatta appena si evolve", si legge in un comunicato congiunto di Alex Peysakhovich, Research Scientist e Kristin Hendrix, User Experience Researcher.


"Uno dei nostri valori News Feed è quello di avere la comunicazione autentica sulla nostra piattaforma. Le persone ci hanno detto che vogliono vedere maggior storie autentiche. È per questo che lavoriamo duro per capire che tipo di storie e post le persone considerano genuini, così possiamo mostrare più storie di quel tipo nel News Feed. Lavoriamo anche per capire quali tipi di storie le persone trovano fuorvianti e spam per assicurarci che la gente ne veda di meno. Abbiamo sentito dalle persone che essi specificamente vogliono vedere meno articoli con titoli clickbait o titoli ai link. Questi sono i titoli che lasciano intenzionalmente le informazioni cruciali o fuorviano le persone, costringendo le persone a cliccare per scoprire la risposta", si legge ancora.

Per esempio: "Quando Lei ha guardato sotto il sotto i cuscini del suo divano e visto questo... Sono rimasto scioccato!"; "Ha messo aglio nelle sue scarpe prima di andare a letto e cosa succede dopo è difficile da credere"; o "Il cane abbaiava al postino e la sua reazione è stata impagabile". "Per far fronte a questo feedback della nostra community, stiamo facendo un update del News Feed ranking per ridurre ulteriormente i titoli clickbait nelle prossime settimane. Con questo aggiornamento, la gente vedrà meno articoli clickbait e più storie che vogliono vedere più in alto nel loro feed". Facebook distribuisce migliaia di indagini ogni giorno come parte del suo Feed Quality Program per capire meglio ciò che alle persone piace vedere nei loro feed.

Come Facebook riduce i titoli clickbait
"Per far fronte a titoli clickbait, abbiamo già fatto in precedenza un aggiornamento del News Feed che riduce la distribuzione dei post che portano le persone a fare clic e poi rapidamente tornare al flusso delle notizie. Anche se questo aggiornamento ha aiutato, stiamo ancora vedendo pagine puntare su titoli clickbait, e la gente ancora che ci dice che preferirebbe vedere titoli chiaramente scritti che aiutino a decidere come vogliono trascorrere il loro tempo e non perdere tempo su quello che cliccano. Ci stiamo concentrando con maggior impegno su questo, e aggiornando il news feed utilizzando un sistema che identifica le frasi che vengono comunemente utilizzate nei titoli clickbait", prosegue ancora il comunicato sulla Newsroom.


"In primo luogo, abbiamo classificato decine di migliaia di titoli come clickbait considerando due punti fondamentali: (1) se il titolo contiene informazioni necessarie per capire qual è il contenuto di questo articolo; e (2) se il titolo esagera l'articolo per creare fuorvianti aspettative per il lettore. Ad esempio, il titolo "Non crederai mai chi inciampò e cadde sul tappeto rosso..." contiene le informazioni necessarie per comprendere l'articolo (Che cosa è successo? Chi è inciampato?) Il titolo "Le mele sono in realtà inappropriate per te?!" fuorvia il lettore (le mele sono un male solo per te se ne mangi troppe ogni giorno). Un team di Facebook recensisce migliaia di titoli che utilizzano questi criteri, convalidando il lavoro di altri per identificare un grande insieme di titoli clickbait.

"Da lì, abbiamo costruito un sistema che analizza l'insieme dei titoli clickbait per determinare quali frasi sono comunemente usati nei titoli clickbait che non vengono utilizzati in altri titoli. Questo è simile a come lavorano molti filtri antispam. Il nostro sistema identifica i messaggi che sono domini web clickbait e da quali Pagine provengono questi post. I link postati da pagine o domini comuni che inviano costantemente titoli clickbait appariranno più bassi nel News Feed. Il News Feed continuerà ad imparare nel corso del tempo - se una pagina smette di inviare titoli clickbait, i loro post smetteranno di essere influenzati da questo cambiamento. Mentre la maggior parte delle pagine non vedrà modifiche significative della loro distribuzione nel News Feed, siti web e pagine che si affidano a titoli clickbait dovranno aspettarsi una diminuzione della loro distribuzione.


Nessun commento:

Posta un commento