mercoledì 13 novembre 2013

Microsoft Patch day novembre: otto bollettini fissano 19 vulnerabilità


Microsoft in occasione del suo Patch Day di Novembre ha rilasciato otto aggiornamenti di sicurezza per fissare 19 vulnerabilità nel suo software, che non includono la falla zero-day nel browser di Internet Explorer già sfruttata attivamente. Separatamente, Adobe ha rilasciato alcuni aggiornamenti critici che risolvono almeno due falle di sicurezza nel suo software Flash Player. Tre degli 8 aggiornamenti che Microsoft ha rilasciato sono contrassegnati come "critico", cioè vulnerabilità che possono essere sfruttate da malware o malfattori in remoto senza alcun aiuto da parte degli utenti di Windows, mentre i restanti come "importanti". 

Tra le patch critiche vi è un aggiornamento per Internet Explorer che ripara almeno due falle nel browser di default di Windows (incluso IE 11) e includono tutte le edizioni del sistema operativo, da Windows XP SP3 a Windows 8.1. I bollettini critici attirano sempre più l'attenzione, ma i 5 bollettini che sono di livello importante non devono essere ignorati. Anche se la valutazione più bassa significa che di solito la gravità di un exploit è minore o le probabilità di cadere preda di un attacco sono ridotte (ad esempio, perché l'attaccante deve indurre l'utente a compiere un'azione), le conseguenze possono essere comunque devastanti. Di seguito i bollettini sulla sicurezza di novembre in ordine di gravità.

MS13-088 - Aggiornamento cumulativo per la protezione di Internet Explorer (2888505). Questo aggiornamento per la protezione risolve dieci vulnerabilità segnalate privatamente in Internet Explorer. Le più gravi vulnerabilità possono consentire l'esecuzione di codice in modalità remota se un utente visualizza una pagina Web appositamente predisposta con Internet Explorer. Un utente malintenzionato che riesca a sfruttare la più grave di queste vulnerabilità può ottenere gli stessi diritti utente dell'utente corrente. Gli utenti con account configurati in modo da disporre solo di diritti limitati sul sistema potrebbe essere inferiore rispetto a quelli che operano con privilegi di amministrazione. 

• MS13-089 - Una vulnerabilità in Windows Graphics Device Interface (GDI) può consentire l'esecuzione di codice remoto (2876331). Questo aggiornamento per la protezione risolve una vulnerabilità segnalata privatamente in Microsoft Windows. La vulnerabilità può consentire l'esecuzione di codice in modalità remota se un utente visualizza o si apre un file appositamente predisposto in WordPad di Windows Scrivi. Un utente malintenzionato che sfrutti questa vulnerabilità può ottenere gli stessi diritti utente dell'utente corrente. Gli utenti con account configurati in modo da disporre solo di diritti limitati sul sistema potrebbe essere inferiore rispetto a quelli che operano con privilegi di amministrazione.


MS13-090 - Aggiornamento cumulativo per la protezione dei kill bit ActiveX (2900986). Questo aggiornamento per la protezione risolve una vulnerabilità segnalata privatamente che viene attualmente sfruttata. Esiste una vulnerabilità nel controllo ActiveX InformationCardSigninHelper Class (CVE-2013-3918). La vulnerabilità può consentire l'esecuzione di codice in modalità remota se un utente visualizza una pagina Web appositamente predisposta con Internet Explorer, creando il controllo ActiveX. Gli utenti con account configurati in modo da disporre solo di diritti limitati sul sistema potrebbe essere inferiore rispetto a quelli che operano con privilegi di amministrazione.

• MS13-091 - Alcune vulnerabilità in Microsoft Office possono consentire l'esecuzione di codice in modalità remota (2885093). Questo aggiornamento per la protezione risolve tre vulnerabilità segnalate privatamente in Microsoft Office. Le vulnerabilità possono consentire l'esecuzione di codice in modalità remota se un file di documento di WordPerfect appositamente predisposto viene aperto in una versione interessata di Microsoft Office. Un utente malintenzionato che riesca a sfruttare le vulnerabilità più gravi può ottenere gli stessi diritti utente dell'utente corrente. Gli utenti con account configurati in modo da disporre solo di diritti limitati sul sistema potrebbe essere inferiore rispetto a quelli che operano con privilegi di amministrazione.

MS13-092 - Una vulnerabilità in Hyper-V può consentire di privilegi più elevati (2893986). Questo aggiornamento per la protezione risolve una vulnerabilità segnalata privatamente in Microsoft Windows. La vulnerabilità può consentire l'elevazione dei privilegi se un utente malintenzionato passa un parametro di funzione appositamente predisposto in un hypercall da una macchina virtuale in esecuzione esistente al hypervisor. La vulnerabilità potrebbe consentire negazione del servizio per l'host Hyper-V se l'attaccante passa un parametro di funzione appositamente predisposto in un hypercall da una macchina virtuale in esecuzione esistente al hypervisor.


MS13-093 - Una vulnerabilità nel driver di funzioni ausiliario di Windows può consentire l'intercettazione di informazioni personali (2875783). Questo aggiornamento per la protezione risolve una vulnerabilità segnalata privatamente in Microsoft Windows. La vulnerabilità può consentire l'intercettazione di informazioni personali se un utente malintenzionato accede al sistema interessato da un utente locale, ed esegue un'applicazione appositamente predisposta sul sistema che è stato progettato per consentire all'attaccante di ottenere informazioni da un account con privilegi superiori. Un utente malintenzionato deve disporre di credenziali di accesso valide ed essere in grado di accedere in locale per sfruttare questa vulnerabilità.

MS13-094 - Una vulnerabilità in Microsoft Outlook può consentire l'intercettazione di informazioni personali (2894514). Questo aggiornamento per la protezione risolve una vulnerabilità divulgata pubblicamente in Microsoft Outlook. La vulnerabilità può consentire l'intercettazione di informazioni personali se un utente apre o visualizza in anteprima un messaggio di posta elettronica appositamente predisposto con una versione interessata di Microsoft Outlook. Un utente malintenzionato che sfrutti questa vulnerabilità può verificare le informazioni di sistema, come ad esempio l'indirizzo IP e le porte TCP aperte, dal sistema di destinazione e di altri sistemi che condividono la rete con il sistema di destinazione.

MS13-095 - Una vulnerabilità in Firme digitali può consentire attacchi di tipo Denial of Service (2868626). Questo aggiornamento per la protezione risolve una vulnerabilità segnalata privatamente in Microsoft Windows. La vulnerabilità può consentire negazione del servizio quando un servizio web interessata elabora un appositamente predisposto certificato X.509. L'aggiornamento per la protezione risolve la vulnerabilità correggendo il modo in cui i certificati X.509 appositamente predisposti vengono gestiti in Microsoft Windows. Per visualizzare questa vulnerabilità come voce standard nell'elenco CVE, vedere il codice CVE-2013-3869.

Oltre alle patch di sicurezza, Microsoft ha rilasciato alcuni aggiornamenti che risolvono diversi problemi in Windows 8.1 e Windows RT 8.1. Microsoft consiglia a coloro che hanno disabilitato l'update automatico, di scaricare le patch manualmente e installarle da Windows Update. A corollario, Microsoft ha rilasciato come di consueto una versione aggiornata dello strumento di rimozione malware giunto alla versione 5.6, per consentire l'eliminazione di software dannosi dai computer che eseguono Windows 8, Windows 7, Windows Vista, Windows Server 2003, Windows Server 2008 o Windows XP. Il prossimo appuntamento con il patch day è per martedì 10 dicembre 2013.

Nessun commento:

Posta un commento