venerdì 7 giugno 2013

Agenzia per la sicurezza americana spia milioni di telefonate degli utenti


L'Agenzia per la sicurezza nazionale (NSA) statunitense sta raccogliendo i dati sulle chiamate telefoniche di milioni di utenti di Verizon Communications, uno dei più grandi fornitori di telecomunicazioni negli Stati Uniti. Lo ha rivelato in esclusiva il Guardian, che ha avuto accesso a un'ordinanza top secret emessa ad aprile nei confronti di Verizon, che ordina all'operatore telefonico di consegnare alle autorità i tabulati delle telefonate nazionali e internazionali degli utenti per tre mesi, fino al 19 luglio.

Il documento mostra per la prima volta che sotto l'amministrazione Obama, i protocolli di comunicazione di milioni di cittadini americani vengono raccolti indiscriminatamente ed in massa - a prescindere dal fatto che essi non siano sospettati di alcun illecito. Il quotidiano britannico ha ottenuto una copia dell'ordine emesso in data 25 aprile da un tribunale riservato, la Foreign Intelligence Surveillance Court (Fisa), che impone a Verizon di fornire le informazioni alla National Security Agency.

Secondo i termini dell'ordine, vengono consegnati i numeri di entrambi i partecipanti a una chiamata, così come i dati relativi all'ubicazione, identificatori unici e durata della chiamata. Il contenuto della stessa conversazione non è rilevata. La divulgazione potrebbe riaccendere il dibattito di lunga data negli Stati Uniti oltre il corretto grado dei poteri di spionaggio del governo. Sotto l'amministrazione Bush, un funzionario di della NSA aveva svelato ai giornalisti la raccolta su larga scala dei dati da parte dell'agenzia di sicurezza.

Ma questa è la prima volta che documenti importanti e top-secret hanno rivelato la continuazione della pratica su vasta scala sotto il presidente Obama. L'ordine firmato dal giudice Roger Vinson appare inusuale perché non menziona una specifica minaccia terroristica. L'informazione è classificata come "metadata", o informazioni transazionali, piuttosto che di comunicazione, e quindi non necessita di singoli mandati per l'accesso. Il documento specifica inoltre che tali "metadati" non sono limitati agli elementi di cui sopra. 

L'ordine è un atto di routine di rinnovamento di una direttiva emessa per la prima volta dalla stessa corte nel 2006. Mentre l'ordine stesso non include né il contenuto dei messaggi o le informazioni personali degli abbonati di un numero di cellulare particolare, la sua raccolta permetterebbe alla National Security Agency di costruire facilmente un quadro completo di ciò che ogni individuo ha contattato, come e quando, e possibilmente da dove, in modo retrospettivo.

Verizon ha l'obbligo di fornire i metadati delle comunicazioni veicolate sul proprio network e non il contenuto delle chiamate o i dettagli privati. Funzionari della Nsa non hanno voluto per il momento commentare la notizia, così come il portavoce di Verizon. Non è noto se Verizon è l'unico fornitore di telefonia ad essere preso di mira con un ordine del genere, anche se un riferimento precedente suggerisce che la NSA ha raccolto il record di cellulari da tutte le principali reti di telefonia mobile

AT&T, uno dei maggiori concorrenti di Verizon, non ha risposto alla domanda se il governo abbia avanzato una simile richiesta per ottenere anche i suoi dati. La legge su cui si basa l'ordine esplicito è il cosiddetto "record business" fornito dal Patriot Act, 50 USC sezione 1861. La NSA, come parte di un programma segretamente autorizzato dal presidente Bush il 4 ottobre 2001, ha implementato un programma interno di raccolta di massa di cellulari, internet e documenti e-mail. 

La Casa Bianca conferma e difende la pratica, presentandola come una iniziativa preventiva contro il terrorismo. Dura la reazione di Al Gore, esponente democratico, che ha parlato di "sorveglianza generalizzata e segreta" a cui sono sottoposti i cittadini statunitensi. Nel novembre 2011 il direttore dell'Open Source Center ha rivelato che la CIA controlla milioni di tweet e post su Facebook. Lo scopo è quello di prevedere eventuali destabilizzazioni e possibili rivolte in seguito ad aventi importanti.



6 commenti:

  1. Ci sono numerosissime aziende che si occupano di spiare costantemente soggetti pubblici, ma anche privati. Molto spesso i dati sottratti
    finiscono nelle mani delle persone sbagliate che si appropriano di informazioni riservate per sfruttarle a proprio favore. Io ho deciso di
    salvaguardare me e la mia azienda e utilizzo un crypto phone impossibile da intercettare.

    RispondiElimina