venerdì 15 febbraio 2013

McAfee: attenzione agli ex vendicativi, a rischio dati e immagini compromettenti


Un nuovo studio di McAfee rivela le insidie di una condivisione eccessiva di dati personali e password: 1 persona su 10 ha ricevuto la minaccia da un ex di divulgare foto intime online, mentre il 60% degli italiani condivide le password con il proprio partner.

McAfee, la principale azienda focalizzata sulle tecnologie di sicurezza, ha pubblicato il report “Love, Relationships and Technology” che rivela comportamenti e abitudini in bilico tra eccessiva fiducia e ingenuità, le insidie della condivisione dei dati personali nei rapporti, rivelando come la fine di un amore può portare a brutte sorprese online e alla perdita della privacy. 

In Italia quasi il 75% dei possessori di smartphone conserva sul proprio dispositivo informazioni personali e intime, quali dati bancari, password, dati di carte di credito e foto, anche compromettenti, mentre solo il 40% protegge i propri dispositivi con password o pin: una mancanza di protezione incredibile dei dati personali. 

Nonostante i casi di fughe di dati che hanno fatto scalpore e gli scandali che hanno coinvolto i profili di social media di varie celebrità, in molti continuano a correre rischi condividendo informazioni personali e foto intime con il partner e amici esponendosi inconsapevolmente al rischio di una "vendetta dell'ex". 

Lo studio rivela come il 94% degli intervistati sia davvero convinto che i propri dati e le foto non corrano rischi nelle mani dei propri compagni di vita. Tuttavia, McAfee ha rilevato che il 13% degli adulti ha subito violazioni di dati senza permesso da coloro con cui condividevano le proprie credenziali. 

Inoltre, 1 ex partner su 10 ha minacciato di diffondere online le foto osé del proprio ex. Secondo lo studio, queste minacce sono state eseguite in quasi il 58% dei casi. "Bisogna che tutti siano più informati sui rischi e sulle conseguenze della condivisione di così tante informazioni private con i partner", ha dichiarato Ombretta Comi, marketing manager per l’Italia di McAfee. 

"Condividere le password con il partner potrebbe sembrare una cosa naturale e innocua, ma spesso può tradursi in violazione della privacy, le informazioni personali più preziose potrebbero cadere nelle mani sbagliate e approdare su una piattaforma pubblica. Ognuno di noi deve essere più consapevole dei rischi e adottare le misure più adeguate per proteggere i dati personali". 

Gli uomini sono più a rischio
Le principali motivazioni che hanno portato alle minacce da parte degli ex includono bugie (44%), tradimenti (42%), rottura del legame (28%), annullamento del matrimonio (12%), foto con un altro/altra (12%). Circa 1/3 degli intervistati ha deplorato l'invio di tali contenuti intimi dopo una rottura e il 32% ha anche chiesto al proprio ex-partner di eliminare qualsiasi contenuto personale.

Nonostante i rischi, in occasione dell’ultimo San Valentino, il 27% degli intervistati aveva intenzione di inviare foto sexy o romantiche al proprio partner via e-mail, MMS o social media. Sorprendentemente, sono gli uomini i più inclini a farlo, rispetto alle donne (43% vs 29%), anche se gli uomini sono stati i più colpiti dalla minaccia della pubblicazione di foto compromettenti online rispetto alle donne (11,7% vs 7,6%).


Altri dati emersi dallo studio “Love, Relationships and Technology”: 

Stalking informatico 
Quando hanno a portata di mano le password del proprio partner, gli italiani non possono fare a meno di spiare e controllarne le e-mail, i conti bancari e le pagine dei social media. Oltre il 52% delle persone intervistate ha ammesso di controllare i profili di social media e i conti bancari dei propri compagni e quasi il la metà (46,8%) controlla anche i messaggi di posta elettronica. 

Molti (44,3%) controllano il loro ex-partner su Facebook più di quanto non tengano d’occhio il loro partner attuale (47,5%). Gli uomini spiano la loro partner più delle loro controparti femminili. Il 46% degli uomini ha ammesso di “controllare” la loro partner, l’ex-partner e l’ex dell’attuale compagna su Facebook o Twitter, rispetto al 36,8% delle donne. Inoltre, il 56,5% degli uomini ha ammesso di controllare la posta elettronica, i social media e i conti bancari della proprio partner, rispetto al 51,5% delle donne. 

Dati personali
La cautela non deve limitarsi alla condivisione di foto. Il 13% degli adulti ha subito una fuoriuscita di dati personali non autorizzata. Gli italiani amano condividere in amore e lo fanno in ogni momento, aumentando la probabilità di perdita di dati e furti di identità. I dati più popolari condivisi dai partner includono numeri di conto corrente bancario (46%), codici fiscali (32%), numeri della tessera sanitaria (52%), account email (32%), e password (38%). 

Quando avviene una fuga di dati personali, sono gli uomini i più propensi a combattere per recuperare ciò che è stato sottratto. Circa il 15% di chi ha subito una “perdita di dati” si è rivolta a un avvocato e ha intrapreso azioni legali per recuperare le proprie informazioni e rimuovere dal web foto imbarazzanti o personali.

Dispositivi non protetti
Il 40% degli italiani intervistati non protegge il telefono con pin o password, lasciando a chiunque abbia in mano il dispositivo libero accesso a tutti i propri contenuti privati. Quasi 3 persone su 10 non eseguono il backup e non salvano il contenuto del proprio smartphone e circa un quarto degli intervistati on elimina mai o raramente i messaggi e-mail o SMS personali o intimi, incluse le foto.

"Certamente è importante condividere con fiducia contenuti personali con i propri cari, ma è altrettanto importante avere bene in mente cosa può accadere se le cose dovessero andare storte", conclude Comi. "Le password e i pin sono personali e dobbiamo sforzarci di pensare due volte prima di inviare dati personali tramite i social media. L’invio di un messaggio un po’ audace per San Valentino può essere un gioco divertente, ma alcune semplici precauzioni possono aiutarci a non dovercene pentire più tardi”.

Ulteriori informazioni sono disponibili ai seguenti indirizzi:
www.mcafee.com/loveandtech
https://blogs.mcafee.com/consumer/love-relationships-technology-survey
https://blogs.mcafee.com/consumer-threat-notices/love-relationships-and-sextregret-its-time-to-take-back-the-web

A proposito della ricerca
L’indagine è stata condotta online a livello globale da MSI International durante il mese di dicembre 2012 e ha coinvolto oltre 600 partecipanti nel nostro paese. Fonte: Prima Pagina | Link: Press Portal

1 commento: