giovedì 24 gennaio 2013

Nuovo Facebook Graph Search potrebbe compromettere sicurezza utenti


Facebook nei giorni scorsi ha presentato il suo strumento di ricerca grafico, che trasforma i dati personali che i miliardi di utenti hanno condiviso sul social network in un potente database ricercabile. Mentre è solo a rotazione su una base limitata negli Stati Uniti in questo momento, in ultima analisi, permetterà a tutti di cercare facilmente attraverso la rete le informazioni dei loro amici.

Graph Search permette ad un utente di Facebook di utilizzare la ricerca semantica per trovare e aggregare informazioni sulle persone sul social network. Facebook ha dichiarato che la sua nuova funzione rispetta le impostazioni sulla privacy. Ma, poiché  Graph Search può fornire gruppi di persone con interessi simili in modo organizzato, potrebbe diventare il migliore amico di un phisher, secondo Anup Ghosh, CEO di Invincea.

"Si rende il lavoro di ricerca degli obiettivi più facile perché i phisher non devono dipendere dai risultati di ricerca rumorsi di Google", ha detto a TechNewsWorld. "Non è un game-changer, ma rende più semplice la ricognizione". Graph Search può essere usato per offensive contro le organizzazioni di Big data, consentendo il data mining di persone, luoghi, foto e interessi, ha detto Angelo Grant, senior manager per le soluzioni di autenticazione di RSA.

"E semplicemente contribuire ad accelerare e semplificare la creazione di un mirato attacco di ingegneria sociale", ha aggiunto. "Anche se Graph Search è stato progettato con in mente la privacy, permettendo di vedere solo ciò che si potrebbe già vedere su Facebook - pensate a quante cose dei vostri amici voi non sapete adesso". Il developer Tom Scott, che già dispone di Graph Search, ha aperto un blog su Tumblr per questo e sta postando copie dell'uso di Graph Search.


Su Hacher News l'utente GuiA scrive: "Da un grande potere derivano grandi responsabilità. Aziende come Facebook e simili senza dubbio traggono grande potere dal loro 'social graph', tuttavia, le interazioni umane sono sottili, complesse, sfaccettate e spesso contraddittorie. Nulla di buono può venire fuori dall'applicare algoritmi stupidi (vale a dire, qualsiasi algoritmo), portando sempre a situazioni, nella migliore delle ipotesi, imbarazzanti, e nel peggiore dei casi, pericolose, per chi è nel sistema". 

"Io non credo - aggiunge GuiA - che sia una questione di fare le cose nel modo giusto o di fissarle cercando di mettere relazioni umane in un sistema informatico che non potrà mai riprodurre l'esperienza umana (tuttavia, si può fare molto felicemente del marketing). Il meglio che si può fare è completare alcuni dei sottoinsiemi molto concentrati di questo in un modo interessante. La vista di Zuckerberg in materia di privacy e l'Open Search sono risibili...".

In realtà, Facebook ha creato un video e la pagina per spiegare alle persone come funziona la privacy con  il nuovo Graph Search. "Con la ricerca grafica, è possibile cercare qualsiasi cosa in comune con te su Facebook, e gli altri possono trovare cose che hai condiviso con loro, compreso i contenuti pubblici. Ciò significa che persone diverse ottenere risultati diversi", dice Facebook sulla pagina .

Più di 1 miliardo di persone usano Facebook ogni mese, hanno condiviso più di 240 miliardi di foto sul sito, e formato più di 1 miliardo di connessioni. Ogni giorno, le persone condividono miliardi di pezzi di nuovi contenuti, e Search Graph ha bisogno di indicizzarli a pochi secondi dallo loro creazione. Quando si condivide qualcosa su Facebook, si arriva a decidere esattamente chi può vedere che il contenuto.


Mentre il nuovo strumento di ricerca Facebook rispetta le impostazioni, potrebbe voler dire che le vostre informazioni verranno maggiormente a galla. I vostri amici, compagni di scuola, datori di lavoro e altri potrebbero più facilmente scoprire cose che si pensava fossero private. È per questo che è il momento buono per rivedere le impostazioni sulla privacy e passare in rassegna i vostri dati su Facebook per assicurarsi che non state condividendo pubblicamente ciò che non si desidera.

Impostate le preferenze predefinite per condividere solo con gli amici. Sotto ogni aggiornamento di stato o una foto che condividete vi è un interruttore di piccole dimensioni che consente di selezionare con chi vi piacerebbe condividere quel pezzo di contenuto. Impostate su "Amici" e si aggiornerà automaticamente per tale impostazione su qualsiasi cosa che si condivide. In questo modo saprete che tutto ciò che si condivide andrà solo ai vostri amici. 

Si può sempre espandere su "Pubblico" o "Amici di amici", ma è meglio andare sul sicuro con l'impostazione predefinita. Con Search Graph è anche possibile cercare le foto. Ora è il momento di passare attraverso le foto in cui siete taggati e rimuovere il tag a quelle che non vi piacciono o potrebbero non essere appropriate. I nuovi strumenti per la privacy di Facebook hanno reso questo più semplice da fare. Passate attraverso i vostri amici e create le liste. Questa è l'unica opzione che può prendere la maggior parte del tempo. 

Facebook spiega che gli altri potranno vedere tutte le foto che sono autorizzate a vedere su Facebook, comprese quelle nascoste sulla vostra Timeline. È possibile creare diverse liste di persone che hanno accesso a diverse informazioni. Ad esempio, si potrebbe non volere che i vostri colleghi possano vedere o cercare le vostre foto. Al momento, Graph Search di Facebook è disponibile per un numero limitato di persone che usano il social network in inglese americano.

Nessun commento:

Posta un commento