mercoledì 5 settembre 2012

Kaspersky Lab, pericoli Internet per i bambini: pornografia e social network


Dal momento che Internet gioca un ruolo sempre più importante nella vita dei bambini, i genitori sono sempre più preoccupati per la facilità con cui è possibile accedere a contenuti indesiderati online. Questo è confermato dal numero crescente di persone che attivano il componente Filtro Genitori nei prodotti Kaspersky Lab. Alla vigilia del nuovo anno scolastico in molti paesi, Kaspersky Lab ha analizzato le statistiche generate dal suo componente Parental Control in tutto il mondo per gli ultimi sei mesi.

Il compito principale del componente Parental Control è quello di aiutare i genitori a proteggere i propri figli dai pericoli nascosti da utilizzo incontrollato di computer e di Internet. Per impostazione predefinita, il componente non è abilitato - che deve essere attivato dagli stessi genitori. I genitori possono scegliere quale delle 14 categorie di siti web che vogliono rendere disponibile per i propri figli.


I dati ricevuti da Kaspersky Security Network (KSN) mostrano che gli avvisi del componente Parental Control sono attivati ​​più di frequente da "pornografia, materiale erotico", "reti sociali" e le categorie di "software illegale". Globalmente, questi tre conducono sulle altre categorie con un ampio margine. Ci sono 60 milioni di tentativi di accesso a siti con contenuto pornografico ogni mese, che è quasi quattro volte maggiore rispetto al secondo posto della categoria. Gli avvisi generati dal componente Parental Control di Kaspersky Lab dimostrano che i bambini deliberatamente o involontariamente visitano siti con contenuti indesiderati.


Le statistiche degli avvisi genitori dei componenti di controllo non sono gli stessi per tutti i paesi. La categoria dei "server proxy anonimi" si è classificata terza sia negli Stati Uniti e nel Regno Unito, che rappresentano circa il 9% di tutti gli avvisi di questi paesi, la media mondiale per questa categoria è solo 2,43%. Anche nel Regno Unito, il quarto posto è stato occupato da "software illegale" (6,3%). Ovviamente, i bambini e gli adolescenti britannici hanno manifestato un vivo interesse nel software e hanno familiarità con i metodi per aggirare i filtri web e l'uso di anonymizer.

Un'altra caratteristica distintiva degli Stati Uniti e nel Regno Unito è stata la percentuale relativamente alta di avvisi attivati ​​dalla categoria "Gioco d'azzardo" - 5,77% e 5,68% rispettivamente. La percentuale della categoria "violenza" è stata anche elevato negli Stati Uniti - che occupa il quarto posto nel rating del paese con il 7,32% delle segnalazioni. Questo è più che in altri paesi analizzati.


Anche se la categoria "Pornografia, materiale erotico" è stata la leader in fuga negli Stati Uniti e nel Regno Unito, gli avvisi di Parental Control per le altre categorie sono stati più uniformemente distribuite rispetto agli altri paesi analizzati. Ciò indica che, in media, i genitori negli Stati Uniti e nel Regno Unito attivare più categorie del componente Parental Control dai genitori in altri paesi.

La Germania era il leader assoluto nella categoria "pornografia, materiale erotico": l'80% di tutti gli avvisi del paese sono stati innescati da questa categoria, che hanno notevolmente superato la media mondiale del 53,6%. Che in numeri assoluti, si traduce a 5,3 milioni di avvisi al mese.

Questo potrebbe essere dovuto al fatto che molti genitori in Germania attivano questa categoria nel componente Parental Control, lasciando libero accesso ai loro figli a siti web in tutte le altre categorie. In Brasile, la leader assoluta è stata la categoria "Social network" con il 57,84% - il doppio rispetto alla categoria "Pornografia, materiale erotico". Questa quota di segnalazioni di Parental Control differiva significativamente da quella della media mondiale.

"Anche se a molti bambini si insegnano gli aspetti della sicurezza in Internet a scuola, l'industria IT, inoltre, può fare la sua parte e contribuire a salvaguardare la linea giovani, aumentando la consapevolezza dei pericoli on-line sia tra i bambini e i loro genitori. Questo può aiutare i genitori a prendere un atteggiamento più proattivo nel mantenere i loro figli online. La consulenza, chiara, evidente e accessibile contenuta nei servizi del settore IT - in particolare al punto di fornitura - può contribuire a garantire che i bambini e i giovani possano tranquillamente ottenere il massimo da tali servizi. Ed è importante avere un approccio coordinato in tutto il settore per assicurare che le informazioni ai genitori vengano distribuito in modo efficace", ha dichiarato Peter Davies, direttore esecutivo del Child Exploitation e Online Protection (CEOP) Centro che opera in tutto il Regno Unito.

"I pericoli di Internet stanno aumentando di giorno in giorno, anche se questo non ha impedito ai bambini di diventare ancora più attivi sui social network nell'ultimo anno. I social network sono un ambiente estremamente pericolosi per i bambini. Essi sono il terreno di caccia privilegiato di criminali informatici che li usano per diffondere link pericolosi e collegamenti a pagine web fraudolente. Sono anche un luogo in cui il bambino può entrare in contatto con persone sgradevoli o addirittura pericolose. Al tempo stesso, non si devono dimenticare i pericoli più tradizionali on-line, come ad esempio la visualizzazione di contenuti che non sono destinati a bambini e truffe di phishing e vari altri tipi di frode", ha detto Konstantin Ignatev, responsabile del Web Content analist di Kaspersky Lab.

1 commento: