sabato 18 agosto 2012

Nuovo sistema di Facebook elimina immediatamente le foto dai suoi server


Sono trascorsi più di tre anni da quando ArsTechnica scoprì l'incapacità di Facebook a rimuovere le foto "cancellati" dai suoi server, ma questa particolare saga sembra stia volgendo al termine. La società ha dichiarato che i nuovi sistemi di conservazione delle foto sono a posto e adesso l'eliminazione delle foto avviene entro un ragionevole periodo di tempo e Asr  ha potuto confermare in modo indipendente.

Per prima cosa Asr ha iniziato a studiare Facebook, MySpace, Flickr, e Twitter nel 2009 per vedere quanto velocemente le loro foto scomparissero da Internet dopo che li avevano eliminati da ciascuna delle reti sociali. Il suo metodo per il controllo delle foto è stato quello di salvare un collegamento diretto con il JPEG in questione, facilmente ottenibile da chiunque con il tasto destro del mouse su una foto e aprendolo in una nuova scheda / finestra del browser, quindi effettuadno la copia della URL.

Anche se per Twitter e Flickr ci sono voluti pochi secondi per rimuovere le foto dai loro Content Delivery Network (CDN) dopo la cancellazione dal sito, MySpace e Facebook non sono stati così veloci. MySpace è riuscito a cancellare le foto dal suo CDN mesi più tardi e Facebook ha impiegato più di un anno. Nonostante ciò, le foto di numerosi lettori di Ars sono rimasti online (attraverso collegamento diretto) per tre anni o più .

Facebook sosteneva che gli utenti che avevano gli URL diretti delle foto cancellate erano rari e che le foto erano disponibili online solo per un "periodo limitato di tempo". Ma nel mese di febbraio di quest'anno, la società ha finalmente ammesso che i suoi sistemi non hanno lavorato correttamente fino a quel momento, confermando che non tutte le foto sono state cancellate entro un ragionevole lasso di tempo.

"I sistemi che abbiamo usato per la memorizzazione delle foto di qualche anno fa non sempre hanno rimosso le immagini dalla rete entro un termine ragionevole di tempo, anche se sono state immediatamente rimosse dal sito", aveva detto il portavoce di Facebook Frederic Wolens ad Ars nel mese di febbraio. "Abbiamo lavorato duramente per spostare la nostra memoria foto a nuovi sistemi che garantiscono la completa eliminazione delle foto".

Adesso la situazione è cambiata. Dal mese di febbraio, tutti i collegamenti diretti  delle foto che sono stati inviati dai lettori ad Ars sono scomparsi, e Jacqui Cheng, senior Apple editor ad Ars Technica, ha cominciato a cancellare le sue foto di nuovo dal sito di Facebook per vedere quanto tempo ci sarebbe voluto per la loro rimozione dal CDN. Ha provato questo con due foto ed entrambe sono diventati inaccessibile da link diretto entro due giorni dalla cancellazione.


Wolens ha confermato ad Ars che questo era un risultato della nuova politica della cancellazione delle foto di Facebook e sistemi di storage. "Come risultato di un lavoro sulle nostre politiche e le infrastrutture, abbiamo istituito un 'max-age' di 30 giorni per i nostri collegamenti CDN", ha detto Wolens ad Asr Technica questa settimana. "Tuttavia, in alcuni casi il contenuto scade al CDN molto più rapidamente, sulla base di una serie di fattori".

Wolens non ha spiegato tali fattori, ma ha sottolineato ancora una volta che le persone che navigano casualmente su Facebook non vedranno più le foto subito dopo l'eliminazione. "Come sapete, le foto cessano di essere mostrate ad altri utenti su Facebook immediatamente quando la foto viene cancellata dall'utente. La finestra di 30 giorni si applica solo alle immagini memorizzate nella cache sul CDN", ha detto Wolens.

Meglio tardi che mai, ma 3 + anni è ancora un bel po 'per il social network più famoso al mondo per capire come rimuovere le immagini dal suo CDN correttamente. (CEO di Facebook Mark Zuckerberg è probabilmente felice politiche aziendali hanno finalmente cambiato, anche, perché ci potrebbero essere le foto ancora più imbarazzanti che non sono stati scaricati da parte di estranei, prima di essere "cancellato" dal sito.)

Facebook ha acquistato il servizio di condivisione foto Instagram nel mese di aprile di quest'anno, così  Cheng ha pensato di dare un'occhiata anche alle procedure di cancellazione delle foto Instagram. Le due società non dovrebbero essere completamente integrate, a questo punto, quindi è logico che Instagram potrebbe funzionare un pò diversamente da Facebook, al momento della stesura di questo articolo.

Ha provato cancellando due foto per un periodo di quattro mesi. La prima è stata "cancellata" nel mese di aprile, ma non è scomparsa dai server di Instagram fino alla settimana scorsa, mentre la seconda è scomparsa istantaneamente. Non c'è stato alcun ritardo: nel momento in cui ha cancellato l'immagine, era già inaccessibile dai server di Instagram. Curiosa del divario,  Cheng ha chiesto alla società circa le sue politiche.

"Noi contrassegniamo le foto come eliminate in [Amazon S3] dopo una cancellazione dell'account utente, anche se possono essere memorizzate nella cache nel nostro CDN fino a 24 ore dopo. C'è stato un breve periodo di tempo in cui le foto non sono state sempre contrassegnate come eliminate in S3, ma è stato risolto", ha detto il portavoce di Instagram Kevin Systrom, in risposta ai 4 mesi di ritardo nel cancellare la prima foto di Cheng.

I problemi di privacy su Facebook non sono comunque finiti. Ad esempio, la Norvegia ha avviato un'indagine sul riconoscimento facciale di Facebook. Per lo stesso motivo il Garante per la privacy in Germania, ha riaperto l'indagine che aveva sospeso a Giugno per cercare di convincere Facebook a cambiare le sue politiche. Poiché la società si muove in avanti nel suo nuovo ruolo di azienda pubblica, tali questioni dovranno essere affrontate se Facebook vuole rimanere ancora in cima.

1 commento: