sabato 4 agosto 2012

Nuova app McAfee sfuma foto su Facebook e blocca download ad estranei


McAfee ha annunciato un nuovo strumento per gli utenti di Facebook chiamato McAfee Social Protection. Questa applicazione Facebook, che sarà disponibile come beta pubblica gratuita alla fine di questo mese, consente agli utenti di condividere foto protette con amici selezionati e soltanto con quelli. Si tratta, in sostanza, di una sorta di Digital Rights Management (DRM) che impedisce la condivisione e il download delle immagini sulle bacheche degli amici non autorizzati.


Il concetto alla base dello strumento è piuttosto semplice: se è possibile decidere le impostazioni sulla privacy delle foto per escludere estranei dalla loro visualizzazione sul proprio profilo Facebook, non c'è modo per impedire agli amici di Facebook di condividere le foto ovunque essi vogliono. Ad esempio, se si pubblica una foto incriminante su Facebook e uno dei propri amici la condivide sulla sua bacheca, allora altre persone potrebbero vederla.

Allo stesso modo, se gli amici scaricano quella foto e il loro computer o account di posta elettronica è violato, la foto potrebbe cadere nelle mani sbagliate. McAfee per la protezione sociale si propone di risolvere questo problema, dando agli utenti di Facebook una piattaforma sicura attraverso la quale possono caricare e condividere foto, senza doversi preoccupare che altre persone le scaricano, le copiano, o le condividono con gli altri utenti.

McAfee ha dimostrato la nuova applicazione il pomeriggio di Giovedì nel suo ufficio di Santa Clara. Dopo un rapido download e l'installazione di uno speciale photo viewer, gli utenti sono in grado di caricare, condividere e visualizzare le foto sulla piattaforma sicura. Le foto sono criptate in modo che non possono essere copiate, stampate, o prese attraverso gli screenshot, e solo gli amici che invitano a vederli sono in grado di vederli.


Tutti gli altri vedranno interpretazioni sfuocate delle foto. Le foto non sono ospitate sui server di Facebook, ma su un server sicuro di Intel. Fondamentalmente, questa applicazione aiuta a garantire che le foto non finiscano nelle mani sbagliate, anche inavvertitamente. Dal momento che i propri amici non possono salvare o scaricare le foto, anche se i loro account o dispositivi sono compromessi, le foto sono al sicuro.

Come spiega Pc World, il sistema non è infallibile - ovviamente, se qualcuno vuole veramente ottenere la foto, ci sono soluzioni alternative (per esempio, si può solo fare una foto dello schermo separatamente con una macchina fisica). Ma l'applicazione non presenta un ostacolo al facile, one-click di condivisione che a volte può far diffondere viralmente sul social network delle foto compromettenti.

L'applicazione McAfee Social Protection verrà distribuita come plugin per i browser Web più diffusi (Internet Explorer, Mozilla Firefox e Google Chrome) su PC alla fine di agosto e solo in beta pubblica, mentre il supporto per Mac, iOS e Android verrà aggiunto entro la fine dell'anno. Dopo aver installato il plugin e riavviato il browser, gli utenti potranno effettuare il caricamento delle foto sulla piattaforma sicura di Intel.


Le foto verranno criptate e chi tenterà di scaricarle o premerà il tasto Print Screen (Stamp), vedrà apparire sulla foto un rettangolo nero con il simbolo del lucchetto. Lo strumento McAfee di protezione sociale è un ulteriore livello di protezione per gli utenti di Facebook al di là delle solite impostazioni di privacy che possono mettere in atto, che non possono proteggere le foto che vengono postate su una pagina.

"L'obiettivo è l'uso quotidiano di Facebook, e come i contenuti digitali finiscono nei posti sbagliati senza volerlo", ha detto Giovedì mattina Brian Foster, vice presidente senior della gestione dei prodotti di consumo di McAfee, in una conversazione telefonica con CNET. Solo gli utenti autorizzati potranno vedere la foto "in chiaro". Il plugin integra anche una tecnologia di riconoscimento facciale che identifica le immagini in cui è presente l'utente.

Presumibilmente, in questo modo, si potrà contattare l'amico chiedendogli di non taggare il proprio volto. Foster ha detto che Social Protection è stata sviluppata principalmente da software di Intel in collaborazione con McAfee. Mentre l'applicazione per la protezione sociale non sarà in grado di impedire alle persone veramente dannose di rubare le vostre foto, si tratta di un passo nella giusta direzione quando si tratta di aiutare gli utenti a ottenere un aiuto per proteggere i loro dati personali.

Nessun commento:

Posta un commento