mercoledì 6 giugno 2012

Facebook riduce lo spam dei contenuti introducendo un tempo di attesa


Da quando è stato introdotto il Facebook Open Graph e il nuovo layout Timeline, molte applicazioni sociali condividevano automaticamente un certo contenuto sul diario stesso o sul news feed dell'utente. Ciò ha portato all'aumento di spam e pertanto il team di sicurezza Facebook ha deciso di ridurre la quantità di contenuti condivisi senza specifico consenso da parte dell'utente.

"Se odiate l'accidentale auto-sharing, siete fortunati. Ora se state guardando o leggendo qualcosa, dovete attendere per almeno 10 secondi prima che l'apps Facebook possa auto-condividere l'attività al vostro Timeline. Questo dovrebbe ridurre drasticamente la quantità di click-esca spazzatura da articoli e video che vedete nel news feed e ticker", scrive Josh Constine di TechCrunch.

Per dare agli utenti la migliore esperienza, Facebook sta introducendo diverse nuove linee guida di pubblicazione per l'Open Graph. Nei casi in cui questi cambiamenti richiedono di modificare un'app esistente, si hanno 90 giorni per completare l'aggiornamento della sua Breaking Change policy. Il feedback ottenuto da queste linee guida ha indirizzato Facebook alle migliori pratiche che incoraggia di seguire a tutti coloro che lavorano sulla piattaforma, anteponendo l'esperienza degli utenti.


Ora l'utente dovrà leggere una notizia o guardare un video per un minimo di dieci secondi prima che la relativa applicazione vada a condividerli automaticamente sulla Timeline o sul flusso delle notizie. Inoltre, agli sviluppatori viene imposta una regola precisa: l’utente dovrà anche essere informato tramite notifica ogni qualvolta il contenuto verrà condiviso con gli altri e sarà possibile scegliere, tramite una nuova funzione, di disattivare lo sharing automatico dello stesso.

Per rimanere aggiornati su tutti i cambiamenti futuri, poetete iscriverti al suo Developer Blog, dove saranno annunciate tutte le modifiche di rilievo. È anche possibile controllare la tabella di marcia Developer per vedere un elenco completo di tutti i cambiamenti imminenti. Per testare le ultime modifiche in anticipo, è possibile utilizzare le Migrazioni. Se vengono trovati dei problemi gli sviluppatori possono segnalare un bug a Facebook e taggare la foto con il "breaking change".

Gli sviluppatori di Facebook hanno inoltre recentemente aggiunto ai propri requisiti più checklist di auto-sharing più completi che le applicazioni devono seguire. Facebook ha lanciato le applicazioni sociali 6 mesi fa, nelle quali gli utenti autorizzano un app una volta ed è quindi possibile pubblicare sul loro account quando prendono certe azioni. Ma piuttosto che i requisiti precisi per i controlli della privacy ha solo incoraggiato la best practice che gli sviluppatori "dovrebbero" seguire.


Purtroppo a molti sviluppatori interessa solo la massimizzazione del traffico rinviato e non conta utente o la sua esperienza su Facebook. Fortunatamente, le applicazioni video sono ora più strettamente controllate. Questo è importante perché a differenza delle applicazioni utility o lettori di news dove la maggior parte dei contenuti è creata da professionisti o ci sono poche possibilità di inganno, applicazioni video spesso generano contenuti dalle  caratteristiche che possono essere fuorvianti.

Ricordiamo che nelle linee di Facebook generali applicabili a tutti gli usi consentiti dei marchi, bisogna evitare di utilizzare i marchi in modo da suggerire qualunque tipo di associazione o partnership con Facebook o approvazione, sponsorizzazione o sostegno da parte del social network. Ovviamente non bisogna usare i marchi di Facebook in modo ingannevole, dannoso, osceno o che potrebbe in altro modo sollevare dubbi sulla condotta di Facebook. Non è possibile usare marchi, logo o qualsiasi altro contenuto che sia troppo simile ai marchi di Facebook.

L'uso di tutti i marchi di Facebook è soggetto ai termini e alle politiche di Facebook, compresa la Dichiarazione dei diritti e delle responsabilità e la Normativa sulla privacy, per la quale il social network ha in queste ore promosso un referendum ai propri iscritti. Se l'utente medio sarà a proprio agio con questa nuova funzione dell'auto-sharing a tempo, bisogna pensare sempre prima di far click su un contenuto o condividerlo istantaneamente, perchè ciò potrebbe diffondere spam a tutti i propri amici.

Nessun commento:

Posta un commento