lunedì 6 febbraio 2012

Facebook foto, dopo tre anni dalla loro rimozione sono ancora disponibili


Facebook starebbe ancora lavorando sulla eliminazione tempestiva delle foto dai suoi server, quasi tre anni dopo che Ars Techinca portò per prima l'attenzione sul tema. La società ha ammesso Venerdì che i suoi vecchi sistemi per memorizzare il contenuto caricato "non sempre cancellano le immagini dalla rete di distribuzione dei contenuti in un periodo di tempo ragionevole anche se sono stati immediatamente rimossi dal sito", ma ha detto che attualmente sta ultimando un sistema più recente che rende il processo molto più veloce.

Nel frattempo, le foto che gli utenti pensavano di aver "cancellato" da mesi dal social network o anche anni fa, rimangono accessibili tramite link diretto. Un problema che affliggerebbe anche Twitter, MySpace e Flickr. Se si cerca di eliminare le immagini, potrebbero restare in chiaro, a seconda della rete sociale. Alcuni social network cancellano le immagini subito, mentre altri li tengono anche dopo aver sostenuto che sono state rimosse. Questa fù la scoperta fatta da ricercatori dell'Università di Cambridge, nel 2009, quando scoprirono che le immagini cancellate da siti di social media sono spesso lasciati sui server, disponibili per chiunque o per incorporarli altrove.

Facebook sostiene che i terzi non possono accedere alle informazioni anche se vengono mantenuti sui loro server. "Come affermato nella Dichiarazione dei diritti e delle responsabilità, il documento di riferimento per il sito, quando si elimina il contenuto IP, viene eliminato in modo simile allo svuotamento del cestino su un computer. Tuttavia, si capisce che i contenuti rimossi possono persistere in copie di backup per un periodo di tempo ragionevole (ma non saranno disponibile agli altri)", aveva detto Elisabetta Linder, portavoce di Facebook. "Stiamo lavorando con il nostro partner Content Delivery Network (CDN) per ridurre significativamente la quantità di tempo di persistenza delle copie di backup".


Nonostante ciò, più di un anno dopo, le foto "cancellate" erano ancora accessibili tramite link diretto. I lettori cominciarono a raccontare di storie su molestie online, attraverso l'utilizzo di foto che sarebbero state eliminate anni fa, ma che erano ancora disponibili. E' il 2012, e le cose non sono molto diverse ancora. Dopo aver confermato ancora una volta che tutte le foto di Ars Technica e dei lettori erano ancora online. Facebook allungò la mano, ancora una volta, alla ricerca di una risposta del perché ciò è ancora in corso quasi tre anni dopo che società che aveva promesso di essere a "lavoro" sulla questione.

"I sistemi che abbiamo usato per la memorizzazione di foto fino a pochi anni fa non sempre cancellano le immagini provenienti dalle reti di consegna contenuti in un periodo di tempo ragionevole anche se sono stati immediatamente rimossi dal sito", ha detto via e-mail Frederic Wolens Ars, portavoce di Facebook. Wolens ha spiegato che le foto rimangono in linea ma sono bloccati in un sistema legacy che non è mai stato violato e a quanto pare funziona correttamente, ma ha detto che la società sta lavorando su un nuovo sistema che elimina le foto in solo un mese e mezzo. Facebook sarebbe sul punto di fissaggio dei suoi sistemi in modo da cancellare le foto in modo definitivo dal CDN entro 45 giorni.

"Abbiamo lavorato duramente per spostare il nostro deposito foto sui nuovi sistemi che garantiscono la completa cancellazione entro 45 giorni dalla ricezione della richiesta di rimozione", ha detto Wolens. "Questo processo è quasi completo e c'è solo una piccola percentuale di foto degli utenti ancora sul vecchio sistema in attesa di migrazione, l'URL che hai fornito è stato memorizzato sul sistema legacy. Ci aspettiamo che questo processo sarà completato entro il prossimo mese o due, a quel punto potremo verificare che la migrazione sarà completa e consentiremo di disattivare tutti i vecchi contenuti". Continueremo a seguire la vicenda fino a quando le nuove modifiche non saranno in atto.

Nessun commento:

Posta un commento