venerdì 30 dicembre 2011

Hackerville: la capitale mondiale delle truffe sul Web si trova in Romania


Città piena di verde ai piedi dei Carpazi, nel centro della Romania, Ramnicu Valcea è lontano dall'essere il luogo di pace che immaginiamo con i suoi grandi viali verdi. La capitale del crimine informatico, si chiama "Hackerville". "Non c'è nulla da essere orgogliosi", dice Stelian Petrescu, un professore di geografia. "Ramnicu Valcea è probabilmente la città rumena più famosa negli Stati Uniti".

"Gli americani non avevano idea del mio paese a parte la regione della Transilvania e la leggenda di Dracula. Ma ora è la mia città che è diventata la stella a causa di questi giovani che rubano su Internet. Qui non è più Ramnicu Valcea ma Hackerville ", racconta la quotidiano Le Monde. Le frodi in Rete sono diventati lo sport locale in questa città che la stampa americana definisce come la "Silicon Valley del furto su Internet".

Secondo la polizia rumena, l'80% delle frodi fatte in Romania hanno come target gli americani. Ecco perché, Mercoledì 7 dicembre, il direttore dell'FBI Robert Mueller, ha visitato Bucarest. Dopo un breve passaggio al palazzo presidenziale e poche parole con il presidente Traian Basescu, il signor Mueller ha visitato la polizia, il procuratore generale ed i servizi di intelligence.

"Le minacce più gravi che abbiamo di fronte sono transnazionali", ha detto. Nessun paese e nessuna agenzia può combattere da soli contro queste minacce, sia il reato terrorismo, traffico di droga e computer". Il quartiere Ostroveni, roccaforte di hacker si trova a sud della città, la notizia della visita non ha provocato alcuna reazione. Le incursioni della polizia, arresti e le visite dei giornalisti da tutto il mondo sono comuni in questo quartiere dove la gente ancora preferisce mantenere l'anonimato.

Ramnicu Valcea
"Ma cosa possiamo fare!", esclama George, che ha appena ottenuto la laurea in management. Non c'è lavoro qui. Il governo parla solo di crisi, tagli salariali e stringere la cinghia. Io ho 24 anni e per tutti gli anni al college ho stretto la cinghia. Ho degli amici nel quartiere che incassano decine di migliaia di dollari. D'accordo, rubano in Rete, ma almeno riescono a caversela. E io devo lavorare tutta la mia vita per niente".

"Cosa faresti al mio posto?". Nonostante i numerosi arresti fatti dalla polizia negli ultimi anni, Ramnicu Valcea è un fulcro di reati informatici i cui tentacoli si sviluppano in diversi continenti. Nei primi anni 2000, i giovani "Hackerville" erano talmente ingenui da comunicare i numeri dei conti delle loro vittime in Romania, permettendo alla polizia di individuarli rapidamente. Oggi le cose sono cambiate.

La discrezione è d'obbligo e la cancellazione delle tracce è diventata un'arte. Gli hacker hanno costruito reti transnazionali molto ben organizzate e spesso usano quelle che chiamano "frecce". Una "freccia" è un intermediario la cui missione è quella di aprire un conto nel paese in cui si trova. Riceve denaro nel suo conto che le vittime pagano in Rete per l'acquisto di un prodotto o un servizio che non esiste, perché mantiene una percentuale e gira tutto il resto per conto di un'altra "freccia" in un altro paese.

E così via fino all'ultimo "boom" che trasmette la somma finale al cervello dell'operazione. Nel centro di Ramnicu Valcea, possiamo vedere più di venti uffici della società Western Union, specialista in trasferimento di denaro. Una ondata di prosperità ha soffiato in città. Club e bar dove gli hacker passano le notti sono sorti come funghi.

Romanian Police

Nel 2010, a Budesti, un piccolo villaggio alle porte della città, Mercedes-Benz ha aperto un salone dell'arte auto di 2700 mq. Gli hacker sono pazzi per Audi e BMW. A quanto pare, le regolari incursioni della Brigata Speciale "Vlad l'Impalatore" della polizia rumena non hanno alcun effetto. L'ultima, che ha avuto luogo il 22 novembre, ha coinvolto diverse città, tra cui Ramnicu Valcea.

"Venticinque persone, tra i 18 e i 35 anni, sono stati arrestati per aver causato danni a 120.000 utenti negli Stati Uniti, Svizzera, Francia, Austria e Germania", ha detto il procuratore Danusia Boicean. Essi mirano a creare falsi siti di aste eBay per vendere prodotti elettronici, auto e persino i trattori". Nel mese di luglio, gli ufficiali della polizia rumena e l'FBI sono intervenuti e hanno arrestato 23 pirati informatici che sono riusciti a truffare migliaia di americani per la somma di 20 milioni di dollari (15,3 milioni di Euro).

"Infine, in questi tempi di crisi, questi ragazzi riescono a guadagnare in Romania. Ho ancora da ammettere che c'è qualcosa di positivo nel loro approccio", osserva Giorgio. Un po' e' come passare per gli hacker patriottici. George non si è ancora infilato nel loro accampamento, ma sembra molto attratto. Il successo dimostrato, attrae i giovani come una calamita diventare gli hacker Ramnicu Valcea.

 La loro influenza si fa sentire fino Dragasani, una cittadina a un centinaio di miglia a sud. Qui, come in "Hackerville" le macchine avanzate hanno aumentato, indicando che le persone sempre più giovani si "convertono". Ma l'FBI ha già formato più di 600 poliziotti rumeni per frenare questa piaga. George sorride e indica una citazione di Seneca sopra il suo computer: "Questo  non è perchè le cose sono difficili che non osiamo, è perchè non osiamo che sono difficili", parola di hacker del futuro.

1 commento:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina