martedì 4 ottobre 2011

Facebook partner Websense per proteggere gli utenti da link malevoli


Facebook ha annunciato una partnership con la società di sicurezza Websense, al fine di proteggere i propri utenti dai collegamenti pericolosi che portano a siti web maligni e siti di malware. Andando avanti, quando un utente fa clic su un link di Facebook, il nuovo sistema controlla il link con il sistema di Websense per determinare se o non è sicuro.

Se non lo è, viene visualizzato un messaggio che avvisa l'utente che il link è potenzialmente dannoso e suggerisce di tornare alla pagina precedente. Il pulsante "ritorno alla pagina precedente" è posizionato in basso a destra del messaggio, ed è molto importante, astutamente incoraggia l'utente a scegliere questa opzione. Tuttavia, per coloro che scelgono di assumere il rischio, una più piccola opzione "ignora questo avviso" è disponibile sulla sinistra.

Inoltre nel messaggio sono incluse informazioni sul motivo per cui il collegamento è stato contrassegnato come sospetto. "Facebook si preoccupa profondamente di proteggere gli utenti dagli contenuti potenzialmente dannosi su Internet", ha detto in un comunicato Dan Rubinstein, product manager di Facebook per l'integrità del sito. "Siamo entusiasti della nostra partnership con Websense per fornire strumenti leader del settore per aiutare i nostri utenti a proteggersi".


Il sistema usato è alimentato dal Websense ThreatSeeker Cloud, sistema di classificazione della società di sicurezza e identificazione del malware sulla piattaforma. La società dice che è in grado di analizzare le minacce in tempo reale utilizzando la propria tecnologia proprietaria conosciuta come Advanced Classification Engine, o ACE. Con ACE, Websense è in grado non solo di bloccare noti siti di malware, ma anche quelli che il sistema non ha mai incontrato prima. Si può anche bloccare l'URL accorciato, come quelli troncati con bit.ly, una società partnership con Websense dal novembre 2009.



"Websense è stato ad analizzare e classificare internet per più di 15 anni, e ora tutti gli utenti di Facebook saranno protetti dalla stessa tecnologia di base che viene utilizzato nel mercato leader delle soluzioni enterprise di sicurezza Websense TRITON ™", ha detto in un comunicato ufficiale Dan Hubbard, Chief Technology di Websense ufficiale.

"Ogni giorno, Websense Security Labs lavora per scoprire, indagare e riferire sulle minacce Internet avanzate che sono state progettate per aggirare i prodotti antivirus. Fornendo protezione in tempo reale da malware, spyware, contenuti inappropriati, fughe di dati e spam, rendiamo sicuro utilizzare il Web per le persone e le imprese".

Da notare che questo non è il solo meccanismo di sicurezza di Facebook ha in atto per la protezione contro link pericolosi. Nel mese di maggio , il sito di social networking ha iniziato la collaborazione con il servizio di crowdsourcing Web of Trust per la gestione della reputazione dei siti Web che offre protezioni simili. Web of Trust, che continuerà ad operare su Facebook, controlla anche se i collegamenti sono classificati come spam, malware e phishing e presenta un messaggio di avvertimento a sé stante.


Web of Trust, tuttavia, si basa su osservazioni da una comunità di utenti che hanno installato l'estensione del browser Web, non in tempo reale come la tecnologia utilizzata nella soluzione di Websense. Facebook dichiara di avere anche il proprio database di proprietà degli URL maligni e altri mezzi che utilizza per mantenere le attività malevoli fuori dal suo sito.

Questa non è la prima incursione di Websense nelle protezioni di Facebook. L'azienda offre anche un'applicazione per Facebook chiamata Defensio che consente ai proprietari dei profili Facebook di controllare il tipo di collegamenti che sono postati sulla loro bacheca. Defensio non solo protegge da contenuti dannosi, ma può essere configurato per prevenire una vasta gamma di categorie di URL compresi sesso, gioco d'azzardo, droga, odio, violenza e altro ancora.

Facebook inizierà a rotazione la distribuzione delle protezioni ai suoi 800 milioni di utenti a partire da oggi. Speriamo che questo livello di sicurezza aggiuntiva aiuterà Facebook a bloccare le truffe di vario tipo che  viaggiano viralmente sul social network. Non saranno eliminate completamente, ma dovrebbero ridurre il numero di utenti che li condividono, e quindi come ampiamente si diffondono.

Nessun commento:

Posta un commento