venerdì 23 settembre 2011

Facebook, Timeline per raccontare la propria vita e nuovo Open Graph


Dopo le modifiche ai profili personali degli utenti implementate di recente, Facebook ha presentato Timeline e una serie di nuove applicazioni compatibili con il social network. L'occasione per comunicare al mondo queste novità è stata la conferenza F8, in cui lo stesso Mark Zuckerberg ha spiegato come cambierà il sito oggi popolato da 750 milioni di utenti. Accompagnato dal comico Andy Samberg che lo impersona nello show 'Saturday Night Live', il fondatore e amministratore delegato del social network Mark Zuckerberg ha dato il via alla conferenza degli sviluppatori F8 mostrando ai presenti il nuovo servizio del colosso di Palo Alto.


Timeline modifica ulteriormente la pagina personale dell'utente trasformandola in una specie di rivista, sfogliabile come le app disponibili per iPad. Secondo il Ceo, il nuovo servizio contiene "la vita degli utenti" - ovvero, foto, storie, e altri contenuti capaci di raccontare anche il passato delle persone. Si tratta di un'interfaccia che permetterà di impaginare tutte le risorse condivise su Facebook secondo una linea temporale."Pensiamo sia estremamente importante che il prossimo passo sia quello di raccontare la propria vita", ha spiegato Zuckerberg che ha sottolineato come gli utenti abbiano comunque un controllo totale di cio' che appare sulle proprie 'Timeline'.



Timeline permette di navigare a ritroso nel tempo le proprie foto, le proprie condivisioni, i luoghi in cui si è stati, la musica ascoltata e altre informazioni. È la storia della propria vita pubblicata in un social network, potenziata da un motore di ricerca e da un nuovo design molto più pulito e navigabile. In cima alla Timeline di ciascuno sovrasterà una grande immagine, la “copertina”, che dovrebbe rappresentare, più di mille parole, carattere e spirito della persona in questione. Subito sotto, i contenuti, immagini, video e applicazioni in primo piano. Anche qui con parecchie novità, anche se chi utilizza la versione inglese del sito ha potuto provarli in anteprima.


Le “notizie più recenti” non saranno più confinate in una scheda a parte, come accade oggi, ma raggruppate in un “ticker”, un piccolo riquadro che si aggiorna da solo in continuazione, simile a quello presente su Twitter che annuncia l'arrivo di nuovi messaggi. Le applicazioni inoltre non saranno esenti dal restyling, con il lancio di una nuova versione della piattaforma di programmazione Open Graph e di un nuovo genere di app, dedicate a condividere con gli amici le cosiddette “lightweight activities”: ovvero la musica che si sta ascoltando con Spotify, la tv che si sta guardando con TvDream, il cibo che si sta mangiando attraverso Foodspotting.


Zuckerberg ha poi presentato alcune nuove app musicali cedendo la parola a Daniel Ek, amministratore delegato di Spotify. Per Ek, la possibilita' di scoprire musica dal social network dovrebbe "aumentare l'ascolto da parte degli utenti e aumentare le probabilita' che questi paghino per i contenuti".  Il social network può abilitare il pagamento anche attraverso la sua moneta digitale, i "credits". iHeartRadio, Rhapsody e turntable.fm sono tra i siti musicali che creano app per Facebook. Riprende poi la parola il Ceo di Facebook che presenta nuove app per contenuti video prodotte dalla televisione online Hulu e Netflix.



"Siamo entusiasmati da tutte queste nuove app e dalle possibilita' sociali di Netflix", ha detto l'ad Reed. Tra le altre novità si possono poi segnalare la rimozione del limite di 500 caratteri negli aggiornamenti di stato che adesso è passato a cinquemila caratteri. Nel rinnovo grafico di Facebook, tra tante novità, c'è anche lo spostamento della pulsante poke, che ha da sempre caratterizzato il social network ma dall'utilità non troppo chiara, viene adesso relegato in un menù a tendina dentro le pagine dei profili. Sono previsti cambiamenti per i giochi in modo da arricchire l'offerta, coinvolgendo gli sviluppatori software. In tutto questo, si spera venga migliorata la sicurezza della piattaforma.

Nessun commento:

Posta un commento