domenica 21 agosto 2011

Vietato in Germania il Like di Facebook, verrebbero creati profili utenti


Lo stato tedesco dello Schleswig-Holstein ha ordinato alle istituzioni statali di chiudere le loro pagine ufficiali su Facebook e rimuovere il pulsante Like dai loro siti web, per evitare di incorrere in sanzioni pecuniarie. Il garante della privacy dello Stato tedesco dice che dall'analisi eseguita dal suo ufficio è emerso che Facebook costruisce i profili degli utenti e non utenti con i dati raccolti attraverso il plug-in Like, riporta Associated Press.

Se fosse così, questo violerebbe le leggi tedesche ed europee sulla protezione dei dati personali. In una dichiarazione, l'organizzazione sulla protezione dei dati tedesca (ULD) ha invitato gli utenti di Internet "di tenere le dita lontane dai clic sui plugins sociali", come il pulsante Like, "per evitare di essere profilati per almeno due anni dalla società". La decisione sarebbe maturata in seguito all’analisi del suo commissario per la protezione dei dati, Thilo Weichert, secondo il quale Facebook creerebbe dei propri profili di utenti registrati e non registrati, usando i dati raccolti attraverso l’uso del pulsante Like.

"L'Unabhängige Landeszentrum für Datenschutz si aspetta che tutti gli operatori dei siti web dello Schleswig-Holstein, cessino immediatamente l'uso di Facebook negli Stati Uniti, disabilitando i servizi appropriati. Se ciò non sarà fatto entro la fine di settembre 2011, l'ULD prenderà ulteriori provvedimenti", dice il funzionario. "La funzione che traccia le abitudini degli utenti dei siti con sede nel distretto di Schleswig-Holstein e Facebook sarà punita con una multa fino a 50.000 dollari se non verrà rimosso il pulsante", aggiunge.


La reazione di Facebook non è tardata ad arrivare, chiarendo che l’unica informazione raccolta dalla società al clic del pulsante Like sarebbe l’indirizzo IP dell’utente.

"Rifiutiamo fermamente qualsiasi affermazione riguardo al fatto che Facebook non rispetti gli standard di protezione dei dati europei. Il bottone Like di Facebook è una funzionalità così popolare perché le persone hanno il completo controllo su come la loro informazione è condivisa attraverso di esso. Per più di un anno il plugin ha portato valore aggiunto a tante attività commerciali e persone singole ogni giorno. Analizzeremo il materiale fornito dalla ULD [l'agenzia di protezione dei dati], sia per conto nostro, sia per conto degli utenti web in tutta la Germania", ha dichiarato un portavoce di Facebook.

Secondo BuzzMachine si sta facendo confusione. "Facebook invia i dati in forma aggregata ai siti in modo che possano vedere, per esempio, i tassi di click che riguardano il pulsante "Like" in varie pagine. Ovviamente, i server di Facebook sapranno chi siete, perché vi diranno anche quali dei vostri amici hanno pubblicamente apprezzato questo sito", dice Jeff Jarvis.

Inoltre Facebook cancellerebbe i dati IP dopo 90 giorni. I rigorosi custodi delle leggi tedesche sulla privacy si sono ripetutamente scontrati con giganti internazionali di Internet, come Facebook e Google. All'inizio di questo mese, il supervisore di protezione dei dati di Amburgo ha avvertito Facebook che il nuovo automatico foto-tagging potrebbe violare le leggi europee sulla privacy. L'analisi dell'ULD è disponibile all'indirizzo https://www.datenschutzzentrum.de/facebook/ e verrà aggiornata prossimamente.

Nessun commento:

Posta un commento