lunedì 18 luglio 2011

Attenti alle pagine che promettono ritorno alla vecchia chat Facebook


Facebook è continuamente in evoluzione, anche in ragione dell'avanzata di Google+, il nuovo social network del noto motore di ricerca. Non stiamo parlando della nuova videochat di Facebook, ma della barra laterale della chat, una delle ultime sue modifiche e che a molti utenti non è piaciuta. Oltre a visualizzare una rotellina per il settaggio delle vari opzioni qualcuno la considera poco utile e addirittura fastidiosa. Secondo alcuni utenti, l’utilizzo della nuova chat di Facebook è poco intuitivo e difficoltoso, in quanto riuscire a tornare offline e a chiudere la barra degli amici online non è un'operazione che si svolge immediatamente. Sarebbe in sostanza complicato disattivare la barra e a volte la stessa comparirebbe più volte, anche successivamente, come testimoniano le numerose lamentele sul social network.


Dunque su Facebook si discute anche sulla positività delle modifiche introdotte alla chat. Per molti risulterebbe difficile anche abilitare solo alcune liste di amici. Non di rado, noi abbiamo verificato, di esseri rimasti online anche dopo essersci resi invisibile sulla rinnovata chat di Facebook. Anche se Facebook ha temporaneamente sospeso la possibilità di aggiornare alla nuova chat, non mancano sul social network le pagine create la possibilità di tornare al vecchio sistema. E come sempre gli spammer non hanno perso tempo nel cogliere l'occasione per diffondere le loro pagine truffa. Sono infatte sorte numerose pagine e relative applicazioni, che promettono la possibilità di ritornare alla vecchia chat di Facebook.


Sulla land page (pagina di benvenuto) leggiamo: "Ecco come fare per riavere la chat classica! E' facilissimo, basta seguire questi 2 semplici passi. Vuoi riavere la chat classica??? Clikka su MI PIACE..! STEP 1 Clicca sul tasto 'Mi Piace'. STEP 2 Clicca sul tasto 'Condividi' che trovi a Sinistra". In questo modo, da Giovedì scorso (data della sua creazione), la pagina ha raccolto oltre 95.000 fan e gli utenti continuano, minuto dopo minuto, a cadere nella trappola. In questo modo la pagina sta avendo una diffusione "virale", anche se il fatidico "suggerisci agli amici", è stato rimosso da Facebook proprio nell'ottica di rallentare la diffusione di pagine spam, ma soprattutto per spingere gli inserzionisti ad investire in pubblicità sul social network (ma quest'ultimo è un discorso a parte).


Se la pagina, fino adesso, non rimanda a link pericolosi (non possiamo conoscerne il futuro utilizzo), esistono altresì delle pagine simili che promettono il ritorno alla vecchia chat, dopo l'installazione d'una applicazione. In questo caso, in poco più di 3 ore dalla sua creazione, la pagina ha raccolto oltre 4.800 fan. Dopo aver effettuato le "consuete" operazioni di rito, ci verrà presentato un pulsante "Install Application". Se clicchiamo sul collegamento saremo rimandati alla pagina dell'applicazione su Facebook, la quale potrà "estrarre le informazioni dal tuo profilo, foto, informazioni sugli amici, e altri contenuti necessari per il suo funzionamento. L'applicazione aggiungerà inoltre un riquadro sulla tua pagina e potrà pubblicare notizie sulla tua pagina". Al momento, l'applicazione risulta essere disattivata (http://www.facebook.com/apps/application.php?api_key=c7a6e20f2e0c8a82f5d0075b58d202c7).


Certamente gli spammer però non perderanno tempo prezioso per crearne delle altre. In realtà esistono delle applicazioni simili, per installare FBML avanzato di Facebook sulle proprie pagine, ma non utilizzano sistemi del genere per la loro diffusione tra gli utenti del social network. Le pagine che abbiamo preso in considerazione, non riportano in sostanza alcuna istruzione che possa rimettere a posto la chat di Facebook. Tutti coloro che si iscrivono lo hanno fanno a "scatola chiusa". In effetti, non esiste (al momento) alcun modo per ritornare alla "vecchia" funzionalità, e dunque qualsiasi eventuale "dritta" è solo un modo per incrementare gli iscritti ad una data fan page. Prestate dunque attenzione alle pagine che promettono ciò e soprattutto alle applicazioni o eventuali link presenti, che potrebbero rimandare a pagine pubblicitarie (nel miglior dei casi) o a pericolose installazioni.

Nessun commento:

Posta un commento