martedì 1 febbraio 2011

Il nuovo sistema antispam di Facebook ha ridotto lo spam del 95%


Facebook ha rivendicato una grande vittoria nella guerra contro lo spam: una corte federale di San Jose, in California, ha deciso questa settimana a favore del social network, il blocco permanente del sito dello spammer Philip Porembski e gli ha ordinato di pagare 360,5 milioni dollari in danni punitivi per l'azienda. Grazie al nuovo sistema antispam i vertici del social network dichiarano che lo spam su Facebook è stato ridotto del 95%  nel 2010.


La società Porembski's, PP Web Services LLC, aveva dirottato più di 160.000 account di Facebook e inviati oltre 7,2 milioni di messaggi spam agli utenti del social network. Queste missive inclusi i link che rimandavano a siti di phishing, avevano chiesto ai destinatari le informazioni di login Facebook. I dati sono stati poi utilizzati per inviare spam a tutti gli amici dell'utente. Alcuni dei comunicati reindirizzavano gli utenti a siti sui quali Porembski ha guadagnato da commissioni di affiliazione. 

Facebook ha ricevuto oltre 8.000 denunce di spam Porembski, e almeno 4.500 persone hanno chiuso i loro account sul social network a causa di questo spamming. Tutti questi messaggi hanno creato una traccia digitale che ha portato le forze dell'ordine ad individuare il computer Porembski a Sacramento, che conteneva informazioni di accesso per gli utenti di Facebook, più gli script automatici di spamming. Tutto ciò che ne è seguito dalla individuazione di Porembski è stato focalizzato sulla messa fuori business dello spam per sempre. 

Lui probabilmente non potrà permettersi il pagamento della multa di 360 milioni dollari, ma tale sentenza permette a Facebook di mettere un vincolo su tutti i suoi passati, presenti e futuri redditi. E mentre è andata bene a Porembski  che sembra aver guadagnato un sacco di soldi, Facebook ha vinto più di due volte tanto nella più grande sentenza mai emessa contro uno spammer, preso atto nel Guinness dei Primati : 873 milioni dollari la sentenza contro Adam Guerbuez e Atlantis Blue Capital. Il social network ha avuto anche la seconda più grande vittoria, 711 milioni dollari sentenza contro Sanford Wallace, che le persone nel business consideravano il re originale dello spam.


Ancora una volta, questo tipo di vittoria non comporta agli spammer di contrarre mutui per pagare Facebook, ma consente piuttosto al social network di legare le finanze dei malfattori a tempo indeterminato. Il CTO di Facebook Bret Taylor  ha detto che la società ha cercherà di ridurre lo spam nel sistema fino in fondo. Tale spam è diminuito del 95% nel 2010. Questo è un risultato impressionante. Ma i retroscena di come l'azienda sia riuscita a compiere un'impresa di tale portata, spinge a delle riflessioni che potrebbero rivelare la chiave per cui Facebook continuerà a crescere in modo efficiente. 

Dopo le numerose segnalazioni da parte di utenti scontenti dei continui messaggi provenienti da applicazioni troppo invasive, come FarmVille o Mafia Wars, i vertici del social network hanno deciso di intraprendere una strada ben definita: piuttosto che stilare un elenco di regole da rispettare per la realizzazione di applicazioni da lanciare in Facebook, è stato realizzato un sistema in grado di determinare in maniera del tutto automatica la natura dei messaggi inviati agli utenti, provvedendo a filtrare quelli individuabili come spam. 

Tale sistema risulta basato sul tracciamento delle operazioni eseguite dai navigatori, le cui reazioni ai messaggi ricevuti forniscono i dati al sistema antispam: trattasi di tanti segnali da parte degli utenti in grado di far comprendere all’algoritmo realizzato dagli sviluppatori se un determinato messaggio risulta essere sgradito ad un consistente numero di utenti. In particolare, il sistema tiene traccia se i destinatari nascondono certi messaggi o li segnalano come spam, o se si clicca su "Like" per vedere un messaggio, un commento, o se effettivamente bisogna cliccare per vedere l'applicazione stessa.


"Dall'uso di un gruppo di segnali del genere, siamo in grado di dedurre la probabilità che si tratta d'un messaggio di alta qualità," ha dichiarato Taylor. Oppure, in alternativa, se è di bassa qualità. Se troppi destinatari nascondono un messaggio o lo marchiano come spam, Facebook inizia a bloccarlo automaticamente. Nel caso in cui poi dovesse essere individuata un’applicazione esclusivamente creata per inviare messaggi di spam, il sistema di filtraggio provvede automaticamente a bloccarla e a contattare lo sviluppatore invitandolo a rientrare sulle regole imposte dalle linee guida di Facebook. 

La decisione di adottare tale soluzione ha suscitato molti dubbi tra i vertici di Facebook, ma si è rivelata vincente. La situazione negli ultimi anni è degenerata in una continua ricerca da parte degli utenti di metodi utili a bloccare le notifiche provenienti da un sempre più elevato numero di applicazioni indiscrete. Ad essere incriminati in maniera particolare sono i giochi, i cui sviluppatori cercano di arruolare nuovi utenti tramite il continuo invio di notifiche il più delle volte cestinati dai relativi destinatari. 

Lo spam indirizzato a Facebook consisteva in quei fastidiosi messaggi da parte di Farmville o Mafia Wars che venivano utilizzati per inquinare i newsfeed degli utenti.  E mentre alcuni sviluppatori di applicazioni non possono crescere velocemente come facevano in passato, l'esperienza di CityVille (che ha raggiunto incredibilmente 100 milioni di utenti in soli 43 giorni) dimostra che ci sono ancora modi per consentire una crescita virale senza essere eccessivamente fastidiosi. Tutto ciò fa ben sperare Facebook. Si potranno creare esperienze migliori, riducendo al minimo il consumo delle proprie risorse, e cio permetterà' di crescere più velocemente, ottenendo più lealtà dai suoi utenti e sviluppatori.

1 commento:

  1. Questo messaggio è indirizzato a persone fisiche, i poveri, la banca privata, imprenditori pubblici o privati, o tutti

    coloro che hanno bisogno di un prestito particolare per ricostruire la sua vita. Si è alla ricerca di prestito o

    riattivare le loro attività o il completamento di un progetto, o per garantire il futuro dei loro figli, o comprare una

    appartamento, una macchina, ma è un divieto bancario o rifiutato il file banca per l'estate. Io sono un individuo,

    Ammetto prestiti a persone in grado di rispettare tutti gli impegni. Questo prestito è concesso a tutte le persone capaci

    per soddisfare le condizioni. Il mio tasso di interesse è 2-3% l'anno medio rimborsabile, a breve o lungo termine, secondo

    per comodità dell'utente, al fine di giungere a buon fine dato il tempo del prestito che aveva ricevuto. Se hai bisogno di soldi

    altri motivi, non esitate a contattarmi per ulteriori informazioni. Tutti individuals'm serio e onesto lì per voi.

    Grazie contattarmi via e-mail a un unico indirizzo: clarissevoutyrez@gmail.com

    RispondiElimina