martedì 9 novembre 2010

Attenzione ai falsi profili su Facebook che promuovono siti per adulti


Facebook non è solo un bel luogo dove fare nuove conoscenze, ma anche una mecca per burloni e speculatori, che creano dei profili personali falsi per prendere in giro coloro che non hanno ancora molta dimestichezza con i profili fake sul social network e promuovere i loro siti web con contenuti per adulti. Il primo è stato MySpace, che già tre anni fa raccoglieva falsi account legati a siti per adulti, con donne avvenenti che “spammavano” le loro richiedeste d'amicizia. Gli scammer si siedono al computer in sicurezza, a caccia delle loro prede sui social network e raramente vengono catturati.

Le vittime vengono spesso profondamente danneggiate - sia finanziariamente che psicologicamente - e sono riluttanti a farsi avanti anche quando si rendono conto di essere stati truffati. E' piuttosto labile il confine tra spammer professionisti - che creano un finti profilo solo per diffondere spam - e spammer improvvisati, semplici utenti che esagerano nel tentativo di promuovere qualcosa. Negli Stati Uniti, le cosiddette truffe romantiche (Romance scam) rappresentano le maggiori perdite finanziarie di tutti i reati agevolati da Internet, seocndo rapporti dell'FBI.

Ed ancor oggi purtroppo aumentano anche su Facebook le richieste di amicizia da profili caratterizzati da foto di ragazze ammiccanti. Il loro scopo è raggiungere le bacheche dei nuovi contatti per pubblicare inviti a siti stranieri per la raccolta di email, offrendo servizi di incontro a sfondo sessuale. In particolare sono stati individuati da recente dei profili che avevano l'identico aggiornamento con un link leggermente diverso al fine di stabilire quali profili avessero il rendimento migliore. Il link consente di raggiungere una pagina di destinazione su meetlocals.com. 

E' abbastanza chiaro che questa è una campagna di marketing organizzata dalla società che gestisce il sito. Dato che tutti i profili sembrano aver avuto successo nell'attirare centinaia di amici, c'è una buona probabilità che questa campagna di marketing sta lavorando abbastanza bene. Qui di seguito è una ricerca di "qualcosa successa la notte scorsa". Questa forma di fake è attualmente quella più diffusa e paragonabile ai messaggi spam, che si ricevono ogni giorno: speculatori abusano di Facebook come piattaforma pubblicitaria ed inventano profili personali al femminile per inviare migliaia di link.

Ci sono ancora tonnellate di profili spamming come quelli in figura. Si tratta, in realtà, di contenuti digitali per adulti, che vanno dai servizi a contenuto erotico-pornografico via telefono, all'offerta dei canali satellitari, ai servizi Internet ai nuovi servizi mobili. Parliamo di un mercato florido, anche se in Italia l'industria non raggiunge le proporzioni che ha in altri Paesi. La sensazione di essere in una comunità ristretta è ciò che caratterizza il successo dei siti di relazioni sociali, ma come capita spesso, i vantaggi non sono immuni da pericoli. Ad esempio, alle volte un profilo di una “persona reale” potrebbe non essere del tutto accurato. 




Le falsità possibili possono variare notevolmente, da un'innocua bugia come ridursi l'età a cose più gravi come le pratiche ingannevoli adottate dai criminali informatici per rubare informazioni personali. Ricordate sempre: molti dei problemi di sicurezza hanno origine da un falso senso di sicurezza che può essere creato dai social network. Noi ci fidiamo degli amici, quindi consideriamo generalmente attendibile ciò che ci inviano. Ma la regola non sempre è applicabile in questo ambiente online. Quindi, prima di fare clic o di connettervi, assicuratevi di controllare chi c'è esattamente dall'altra parte.

Secondo i dati dell'FBI, l'82 per cento delle vittime di truffe romantiche sono donne e, in particolare, donne oltre i 50 anni vengono defraudate per lo più con soldi. Utilizzando profili falsi su siti di incontri online e social network, tra cui Facebook, troll truffatori prendono di mira persone solitarie e vulnerabili. Come si legge sull'Huffington Post, promettono amore e matrimonio e costruiscono ciò che sembra una relazione molto reale con la vittima. Funzionari delle forze dell'ordine affermano che le vittime sono spesso in imbarazzo perchè possano permettere agli amici o alla famiglia di sapere che stanno inviando denaro a un estraneo online.

E se fossero saggi, potrebbero essere minacciati e ricattati dai loro falsi amanti. Attualmente, la stragrande maggioranza delle truffe romantiche online rivolte agli Stati Uniti sono originarie del Ghana e della Nigeria, anche se vengono sempre più dalle comunità di espatriati dell'Africa occidentale in Malesia, Canada e Gran Bretagna. Nelle parti del mondo in rapido sviluppo con alta disoccupazione e retaggi postcoloniali di instabilità politica e corruzione, giovani uomini e donne possono rivolgersi alla "scam 419", termine comune per frode che si riferisce al codice penale nigeriano. Il truffatore vi contatterà dal nulla via email, lettera, messaggio di testo o attraverso i social media.

I truffatori nigeriani sono soprannominati " Yahoo boys" a causa della loro passione per l'uso di account di posta elettronica di Yahoo (molti sono passati a Gmail). In Ghana, sono conosciuti come Sakawa boys , "sakawa" essendo un termine ghanese per frode su Internet. Mentre le truffe nigeriane sono rivolte a un pubblico internazionale su Internet, l'avvento dei social network e della posta elettronica ha ampliato la potenziale lista delle vittime e cambiato il gioco. Gli scammer lavorano spesso in gruppi di cinque o sei, con ciascun membro che svolge un ruolo specifico, secondo gli esperti che studiano e perseguono le frodi online. Una persona apre la comunicazione come il finto amante.

I compagni di squadra a volte impersonano un medico che chiede di essere pagato dopo un'emergenza medica. Oppure si atteggiano a colleghi di lavoro o amici, a cui la vittima può inviare il denaro. Le giovani donne fingono di essere figlie adolescenti. Se la vittima diventa sospettosa, un complice può raggiungere l'obiettivo fingendo di essere un investigatore privato che offre di rintracciare il truffatore a pagamento. Nonostante le nuove implementazioni di sicurezza e limitazioni imposte da Facebook, consigliamo di non accettate tutte le richieste di amicizia, visitate la bacheca di chi vi contatta, controllate che non vi siano inviti a siti esterni (come quelli riportati in figura o simili), ed eventualmente bloccate l'utente che vi ha inviato la richiesta.




Nessun commento:

Posta un commento