venerdì 1 aprile 2016

G Data: phishing travestito da foglio Excel condiviso su Windows Live


Il ransomware Locky ha infettato migliaia di computer al giorno in tutto il mondo e ha causato caos su Internet grazie alla sua notevole capacità di mutare e di creare nuove varianti. Un ransomware, spiegano gli esperti di sicurezza informatica di G DATA, è un malware che crittografa i contenuti memorizzati sul proprio PC e richiede un riscatto in cambio del recupero delle informazioni rapite. Locky, che raggiunge le sue vittime nelle e-mail, è anche in grado di muoversi per la rete e cifrare tutto sul suo cammino, inclusi i file condivisi e backup. L’espansione dei ransomware ha avuto un aumento negli ultimi tre anni, quando molti programmi malevoli hanno adottato algoritmi di cifratura più robusti.

Ma se il programma ransomware Locky non è il primo tentativo di attacco effettuato via e-mail, uno dei più recenti attacchi di phishing è diretto verso aziende e società, e arriva nelle caselle di posta elettronica mascherato da un ordine con un allegato chiamato purchase-order.htm. I cybercriminali le tentano proprio tutte: gli attacchi mirati agli utenti aziendali non sono una novità, ma a volte gli espedienti utilizzati per accedere ai nostri dati sorprendono. I tentativi di attacco veicolati tramite mail erano già noti ancora prima dell’ondata di Ransomware. Quotidianamente vengono inviati in Europa centinaia di milioni di messaggi spam, tra cui non figurano esclusivamente attacchi di massa ma anche attacchi mirati. 

Nel presente caso, analizzato dai G DATA Security Labs, abbiamo a che fare con un espediente ai danni delle aziende, il cui procedimento risulta “innovativo”. I destinatari della mail si accorgono solo facendo estrema attenzione, che si tratta di un tentativo di truffa. Le soluzioni G DATA riconoscono l’allegato come Script.Trojan-Stealer.Phish.AG. Tutti i dettagli di questo particolare caso sono consultabili sul blog dei G DATA Security Labs al link: https://blog.gdatasoftware.com/2016/03/28211-order-turns-out-to-be-phishing-attack-in-excel-look. La mail che raggiunge la casella di posta elettronica delle potenziali vittime reca un allegato chiamato purchase-order.htm. A ben guardare, il messaggio contiene elementi che destano sospetti. 

L’azienda emittente non esiste sotto questo nome, l’indirizzo gmail del mittente può risultare poco serio e il testo della mail contiene refusi, che possono essere scusabili, considerando che il potenziale cliente pare non essere geograficamente collocato in Paesi anglofoni. L’allegato è travestito da documento prodotto con Microsoft Excel e condiviso online. Il file si presenta in effetti come una tabella, ma in realtà è solo un’immagine (order.png) non un documento lavorabile. Con tecniche di social engineering (ingegneria sociale), i criminali puntano alla curiosità dell’utente, segnalando ad esempio in rosso che le informazioni contenute nel file siano riservate. L’immagine viene caricata da un server situato ad Hong Kong

Per poter scaricare il documento, il destinatario deve inserire le proprie credenziali di accesso ai servizi della piattaforma live.com di Microsoft. In effetti però, la maschera per l’inserimento di tali dati non ha il formato giusto. Evidentemente i cybercriminali partono dal presupposto che gli utenti dei servizi online legati al pacchetto Office siano facilmente raggirabili. Peraltro, il diretto riferimento visivo, ma non esplicitamente citato, a tale piattaforma, suggerisce che i dati di accesso ai servizi Windows Live siano l’obiettivo di questa campagna. In effetti sono di valore, poiché ottenendoli, i cybercriminali si assicurano accesso illecito ad una serie di servizi, tra cui archivi di documenti online, posta elettronica per trafugare informazioni e inviare ulteriori messaggi di spam e molto altro.


Tutti dati ottimamente sfruttabili, specie se provenienti da un contesto aziendale. I dati inseriti, ossia l’indirizzo mail e la password, vengono inviati subito dopo il click su “scarica” allo stesso server a Hong Kong, da cui sono state caricate le immagini, tuttavia ad un altro dominio. I G DATA Security Labs ritengono che l’intero server sia controllato dai cybercriminali. Dopo l’invio dei dati, una pagina Web presenta – ovviamente - una notifica di errore. Come proteggersi quando si ricevono mail di questo genere. La protezione dallo spam è diventata molto efficace nel riconoscere email indesiderate, ma è ancora impossibile filtrare e interrompere la ricezione di spam. Partendo dal presupposto che tutti siano dotati di una soluzione di sicurezza che integri una protezione antispam aggiornata:

1. Verificate la plausibilità del messaggio chiedendovi: La mia azienda ha motivo di ricevere un ordine dall’estero? Il destinatario della mail sono io o sono indicati altri indirizzi? Che impressione generale mi fa il messaggio? Ci sono errori evidenti? È probabile che molte mail inviate siano realizzate col traduttore).
2. Siate sospettosi quando ricevete mail da mittenti sconosciuti. Se la mail risulta “strana” ignoratela,
cancellatela ma non aprite allegati e non cliccate su link. Soprattutto non rispondete alle mail di spam, mai, perché farlo corrisponde a confermare che il vostro indirizzo mail esiste, quindi assume un valore ancora maggiore per i criminali!

3. L’apertura di allegati è un fattore di rischio, occorre scansirli con una soluzione di sicurezza e poi cancellarli senza aprirli. In caso di dubbio girate il file senza aprirlo direttamente ai G DATA SecurityLabs per un’analisi.
4. I link nelle mail non vanno cliccati senza pensarci bene. L’indirizzo Web andrebbe verificato. Molti client di posta elettronica consentono di verificare l’esatto rimando del link senza cliccarci sopra, bensì passandoci sopra il mouse. In caso di incertezze inviate l’indirizzo (senza cliccarci sopra) ai G DATA Security Labs per l’analisi.

5. Le e-Mail con allegati in formato HTM(L) dovrebbero essere valutate con grande scetticismo. Il formato è usato di norma per siti web, difficilmente per lo scambio di informazioni tra persone. Lo stesso dicasi per file in formato.JS (JavaScript).
6. Non comunicate dati personali, né per email, né tramite formulari di dubbia natura o su siti sospetti. In un contesto aziendale: fate riferimento al vostro amministratore di sistema o al CISO (Chief Information Security Officer), qualora un dato processo risulti sospetto. 

Un modo per aiutare a fermare la ricezione di spam è quello di controllare le informazioni che state rilasciando su di voi. Il modo migliore per farlo è quello di proteggere e nascondere il proprio indirizzo di posta elettronica. Spesso dobbiamo condividere il nostro indirizzo email online. Allora, cosa si può fare per rendere difficile per un bot copiare semplicemente le informazioni? Invece di pubblicare il vostro indirizzo email nel suo formato standard, si potrebbe rimescolare e quindi nasconderlo. Una soluzione  è quella di nascondere l'indirizzo email all'interno di un'immagine. Informazioni su G DATA e sulle soluzioni di sicurezza sono consultabili sul sito www.gdata.it. Source: Sab Communications


Nessun commento:

Posta un commento