lunedì 6 luglio 2015

Polizia Postale: acquisti online, il decalogo per difendersi dalle truffe


Negli ultimi tempi l'interesse degli utenti verso l'e-commerce è cresciuto in maniera esponenziale. Allo stesso modo sono aumentate le truffe online e per la sicurezza degli acquisti è meglio essere il più prudenti possibile. La Polizia di Stato scende in campo per la protezione dello shopping online con lo slogan “Utente avvisato mezzo salvato”. Dall’esperienza acquisita nella tutela dai rischi di truffe on line, nasce dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni una guida con consigli pratici e suggerimenti per acquistare in Rete con maggiore tranquillità. Sicurezza in rete, tutela dei dati personali, protezione da frodi e rischi negli acquisti: temi “caldi” e particolarmente sentiti da chi utilizza Internet.

La guida, che è disponibile sul sito Polizia di Stato, sul portale del Commissariato di P.S. on line e sulle pagine Facebook e Twitter, offre alcuni utili consigli e pratici suggerimenti per muoversi tra i negozi online senza problemi. Si tratta di consigli particolarmente utili all’avvicinarsi del periodo estivo quando il fenomeno delle truffe sembra acutizzarsi, complice anche la ricerca di offerte a bassissimo costo per le tanto attese vacanze. “Del resto, che la scelta di acquistare in rete sia legata anche alla possibilità di ottenere risparmi, oltre che alla comodità” afferma Roberto Sgalla Direttore Centrale delle Specialità della Polizia di Stato “non è una sorpresa: alcune ricerche confermano che il modello dell'acquisto di impulso legato a offerte speciali, ad esempio stock limitati o con prezzi scontati per un tempo definito, si è diffuso ed è proposto ormai da molti attori dell'e-commerce anche per i servizi”.

“Nonostante i tanti casi di truffe - continua Sgalla - i consumatori devono poter usufruire dei vantaggi di Internet per le proprie attività quotidiane, indipendentemente dal proprio livello di informatizzazione e - conclude Sgalla - siccome la stragrande maggioranza degli acquirenti online si affida alla Rete per gli acquisti, il nostro obiettivo è anche aiutare chi non è esperto a comprare in totale tranquillità. “Acquistare o cercare online è ormai diventata una quotidiana abitudine - aggiunge Pasquale Sorgonà, Dirigente Regionale della Polizia Postale e delle Comunicazioni del Friuli Venezia Giulia - ma anche nelle abitudini quotidiane non deve mai essere abbandonata la cautela nè sottovalutata l’eventualità che dietro l’affare si nasconda l’imprevisto della truffa”. 

“Ne sanno qualcosa tutti quegli utenti che si recano nei nostri uffici per denunciare una truffa ai loro danni: su internet - conclude Sorgonà - vige la regola ferrea del pagamento anticipato, cerchiamo di accertarci a chi vanno a finire i nostri soldi PRIMA di inviarli, ma soprattutto diffidiamo di quegli affari incredibili, specialmente se provengono dall’estero, evitando di improvvisarsi uomini d’affari per acquistare una barca in Costa D’Avorio, un trattore a Malta o macchine in Inghilterra”. Per questo motivo nasce la campagna di prevenzione della Polizia Postale e delle Comunicazioni denominata: “Utente avvisato mezzo salvato”, con un decalogo di poche semplici regole per aiutare i navigatori, occasionali o assidui, a sentirsi più confidenti in occasione del loro prossimo acquisto.          

Guida sicura per gli acquisti on line 

1. Utilizzare software e browser completi ed aggiornati
Potrà sembrare banale, ma il primo passo per acquistare in sicurezza è avere sempre un buon antivirus aggiornato all’ultima versione sul proprio dispositivo informatico. Gli ultimi sistemi antivirus (gratuiti o a pagamento) danno protezione anche nella scelta degli acquisti su Internet. Per una maggiore sicurezza online, inoltre, è necessario aggiornare all’ultima versione disponibile il browser utilizzato per navigare perché ogni giorno nuove minacce possono renderlo vulnerabile.
2. Dare la preferenza a siti certificati o ufficiali
In rete è possibile trovare ottime occasioni ma quando un’offerta si presenta troppo conveniente rispetto all’effettivo prezzo di mercato del prodotto che si intende acquistare, allora è meglio verificare su altri siti. Potrebbe essere un falso o rivelarsi una truffa. E’ consigliabile dare la preferenza a negozi online di grandi catene già note perché oltre ad offrire sicurezza in termini di pagamento sono affidabili anche per quanto riguarda l’assistenza e la garanzia sul prodotto acquistato e sulla spedizione dello stesso. In caso di siti poco conosciuti si può controllare la presenza di certificati di sicurezza quali TRUSTe Verified/VeriSign Trusted che permettono di validare l’affidabilità del sito web.

3. Dietro ad un indirizzo di un sito deve esserci un vero negozio! 
Prima di completare l’acquisto verificare che il sito sia fornito di riferimenti quali un numero di Partiva IVA, un numero di telefono fisso, un indirizzo fisico e ulteriori dati per contattare l’azienda. Un sito privo di tali dati probabilmente non vuole essere rintracciabile e potrebbe avere qualcosa da nascondere. I dati fiscali sono facilmente verificabili sul sito istituzionale dell’Agenzia delle Entrate: http://bit.ly/Verifica-Partita-IVA
4. Leggere sempre i commenti e i feedback di altri acquirenti
Prima di passare all’acquisto del prodotto scelto è buona norma leggere i “feedback” pubblicati dagli altri utenti sul sito che lo mette in vendita. Anche le informazioni sull’attendibilità del sito attraverso i motori di ricerca, sui forum o sui social sono utilissime… Le “voci” su un sito truffaldino circolano velocemente online!

5. Su smartphone o tablet utilizzare le app ufficiali dei negozi online
Se si sceglie di acquistare da grandi negozi online, il consiglio è quello di utilizzare le app ufficiali dei relativi negozi per completare l’acquisto. Questo semplice accorgimento permette di evitare i rischi di “passare” o “essere indirizzati” su siti truffaldini o siti clone che potrebbero catturare i dati finanziari e personali inseriti per completare l’acquisto.
6.    Utilizzare soprattutto carte di credito ricaricabili  
Per completare una transazione d’acquisto sono indispensabili pochi dati come numero di carta, data di scadenza della carta ed indirizzo per la spedizione della merce. Se un venditore chiede ulteriori dati probabilmente vuole assumere informazioni personali (numero del conto, PIN o password) che, in quanto tali, dovete custodire gelosamente e non divulgare. Al momento di concludere l’acquisto, la presenza del lucchetto chiuso in fondo alla pagina o di “https” nella barra degli indirizzi sono ulteriori conferme sulla riservatezza dei dati inseriti nel sito e della presenza di un protocollo di tutela dell’utente, ovvero i dati sono criptati e non condivisi.

7. Non cadere nella rete del phishing e/o dello smishing   
…ovvero nella rete di quei truffatori che attraverso mail o sms contraffatti, richiedono di cliccare su un link al fine di raggiungere una pagina web trappola e sfruttando meccanismi psicologici come l’urgenza o l’ottenimento di un vantaggio personale, riusciranno a rubare informazioni personali quali password e numeri di carte di credito per scopi illegali. L’indirizzo Internet a cui tali link rimandano differisce sempre, anche se di poco, da quello originale.
8. Assicurare gli acquisti
Oltre che controllare i dettagli della transazione e le modalità di consegna, è importante scegliere sempre una spedizione tracciabile ed assicurata. Il costo potrebbe essere di poco superiore ma permette di sapere in modo certo e tempestivo dove si trova l’oggetto acquistato fino alla sua consegna.

9. Controllare gli estratti conto
Assicurarsi di controllare regolarmente gli estratti conto delle carte di credito e conti bancari. Non importa dove sia il negozio, controllare le sue dichiarazioni su base regolare per le attività fraudolente. Oltre a mantenere un occhio vigile sui propri account, controllare se l'istituto finanziario offre avvisi via sms o e-mail nel momento in cui una transazione viene effettuata sul prprio conto. Si hanno 60 giorni di tempo per segnalare qualsiasi attività fraudolenta.
10. Utilizzare password sicure
La maggior parte dei siti web che vendono oggetti richiedono di creare un account quando si effettua il primo acquisto. Si inserisce il proprio nome, il proprio indirizzo, numero di telefono, e alcune informazioni di pagamento. Il sito web allora richiede di inserire una password. Assicurarsi di utilizzare una password univoca e sicura per ogni sito web. Non utilizzare la stessa password che si usa per altri siti web; se qualcuno ottiene l'accesso alle password contenute sui server dell'azienda, cercheranno di utilizzarle su siti web di altri grandi commercianti.

11. Non fare acquisti in pubblico
Questo dovrebbe essere ovvio. Non effettuare transazioni online in luoghi pubblici. I siti web spesso salvano le informazioni di login, se non si vuole lasciare accidentalmente gli account aperti per la prossima persona che salta sul computer. Anche se si effettua il logout, è possibile per gli hacker installare keylogger per registrare le sequenze di tasti, che fornisco a loro i nomi utente, password, numeri di carte di credito e le informazioni personali.
12.  Le truffe dei viaggi stagionali
I viaggi sono una grande parte della stagione delle vacanze e i truffatori lo sanno. Sperano di catturare l'attenzione delle persone offrendo false occasioni di viaggio su siti web pericolosi, o attraverso sofferte con e-mail spam. Bisogna prestare molta attenzione alle descrizioni dell'offerta, ai prezzi, le condizioni, i diritti, eventuali oneri, scartando a priori le proposte assolutamente surreali. Fatevi venire dei dubbi quando vedete prezzi super scontati per mete molto gettonate. La Polizia di Stato augura a tutti Buone Vacanze! 




Nessun commento:

Posta un commento