lunedì 9 giugno 2014

Cyberbullismo triplica tra giovani secondo un nuovo studio di McAfee


McAfee, parte di Intel Security, ha rilasciato i risultati della ricerca "Teens and the Screen study: Exploring Online Privacy, Social Networking and Cyberbullying 2014". Il cyberbullismo o bullismo virtuale è un fenomeno che si è sviluppato grazie ai social network e rappresenta una piaga sempre più diffusa tra i giovani. Lo studio annuale esamina il comportamento online e le abitudini di social networking di preadolescenti e adolescenti degli Stati Uniti. Il risultato più significativo dello studio di quest'anno rivela che l'87% dei giovani hanno subito cyberbullismo rispetto allo scorso anno, quando il 27% dei giovani ha dichiarato di essere stati vittime di comportamento crudele online.

Questo comportamento è stato percepito come provocazione di rabbia e imbarazzo, portando ad un tema più ampio su come il comportamento online sta influenzando le loro vite offline. Lo studio evidenzia come la rischiosa attività online può seguirli offline ed eventualmente renderli ancora più suscettibili di cyberbullismo. "I genitori devono discutere l'attività online con i propri figli al fine di garantire meglio la sicurezza e la sicurezza offline", ha detto Michelle Dennedy, chief privacy officer di McAfee. "Se un bambino è una vittima o un istigatore di comportamento crudele come il cyberbullismo, il comportamento negativo può influenzare profondamente la loro identità e la loro reputazione". 

Nonostante gli sforzi significativi per scoraggiare il cyberbullismo, ed i suoi effetti negativi, il numero di avvenimenti continua a crescere con l'87% dei giovani che hanno subito cyberbullismo. Di coloro che hanno risposto sulle cause di cyberbullismo, il 72% ha risposto che è stato a causa dell'aspetto, mentre il 26% ha risposto per razza o religione e il 22% ha dichiarato che il fattore trainante è stato la propria sessualità. Di quelli che hanno testimoniato bullismo, il 53% delle vittime ha risposto di essere diventate difensive o arrabbiate mentre il 47% delle vittime ha detto di aver cancellato i loro account di social media, sottolineando il loro notevole impatto emotivo. 

Mentre lo studio rivela che il bullismo continua a rappresentare un serio problema per i giovani, l'indagine 2014 ha trovato che il 24% dei giovani non saprebbe cosa fare se perseguitati o vittime di bullismo online. Purtroppo, l'esperienza negativa del bullismo esiste non più soltanto online. I social network stanno portando per una gran parte di adolescenti statunitensi a sperimentare situazioni negative che alla fine portano a discussioni offline. Lo studio ha rilevato che il 50% dei giovani sono stati coinvolti in una discussione a causa di qualcosa postata sui social network, un aumento del 51% rispetto al risultato dello scorso anno, quando è stato rilevato che solo il 33% era stato coinvolto in una discussione.

Il 4% dei giovani adulti ha dichiarato che l'originale alterco online ha portato ad uno scontro fisico. Oltre all'oversharing di sentimenti (eccesso di condivisione, ndr), i giovani condividono pubblicamente anche quelle che potrebbero essere considerate informazioni private, sia intenzionalmente e non intenzionalmente. Solo il 61% dei giovani hanno abilitato le impostazioni della privacy sui propri profili di social network per proteggere il loro contenuto, e il 52% non disattivano la loro localizzazione o servizi GPS attraverso applicazioni, lasciando le loro posizioni visibili ad estranei. Inoltre, il 14% ha inviato online i propri indirizzi di casa - un aumento del 27% dai risultati dello scorso anno.


"Per scoprire le attività di comportamento online, genitori, tutori, insegnanti e allenatori della nostra gioventù possono essere più consapevoli del comportamento crudele che potenzialmente può avere luogo offline", ha continuato Dennedy. "Come risultato di monitorare attentamente le attività online, speriamo che tutti noi possiamo fare la nostra parte per fornire assistenza adeguata e contribuire a sradicare il bullismo". Lo scorso 22 maggio Facebook ha lanciato in Italia il Safety Center, piattaforma di prevenzione contro il cyberbullismo in collaborazione con Save the Children Italia e Telefono Azzurro, nata con l'obiettivo di essere vicini agli utenti, aiutandoli ad utilizzare il social network in modo sempre più consapevole e sicuro.

Altri highlights dell'indagine: 

No Parent Zone: i giovani vogliono usare i social network solo con i loro coetanei
• I giovani usano i siti di social networking nei quali credono che i loro genitori non siano membri o non chiacchierano. YouTube è il sito più frequentato, con il 97% degli intervistati che visitano il sito o applicazione su base settimanale. YouTube è seguito vicino da Instagram, con il 92% degli intervistati che hanno visitato il sito o applicazione su base settimanale.

Hide and Seek Non: i giovani cambierebbero il loro comportamento online se sapessero che i loro genitori sono stati ad osservarli 
•  Sebbene il 90% dei giovani credono che i loro genitori si fidano di loro su ciò che è giusto fare online, il 45% cambierebbe ancora cambiare il loro comportamento online se sapessero che i loro genitori sono stati ad osservarli.

•  Mentre il 79% dei giovani non ha mai utilizzato Internet o social media per reinventarsi, un giovane su tre si sente più accettato sui social media rispetto a quanto non facciano nella vita reale.

Preoccupazione Privacy
• I giovani temono che la loro privacy  venga compromessa (25%) e hanno paura di essere hackerati (24%) più del timore di essere impopolari (16%) o subire cyberbullismo (12%).

Rimpianto Sociale
•  La metà (49%) dei giovani ha rimpianto qualcosa che ha postato online.

Top 5 Tips per i genitori su come aiutare ad educare i loro bambini:

1. Connettettevi con i vostri bambini. Casualmente parlare con loro riguardo i rischi di tutte le connessioni online e assicurarsi che le linee di comunicazione siano aperte.
2. Ottenere l'accesso. I genitori dovrebbero avere le password degli account dei loro figli di social media e codici di accesso ai dispositivi dei loro figli per avere pieno accesso in qualsiasi momento.
3. Scoprire la loro tecnologia. Fare un passo avanti e prendere il tempo alla ricerca dei vari dispositivi che i vostri figli utilizzano. Dovete sapere di più sui loro dispositivi di quanto non facciano.
4. Get sociale. Rimanete informato riguardo i nuovi e più recenti social network. Non è necessario creare un account, ma è importante capire come funzionano e se i vostri figli sono su di loro.
5. Gestione della reputazione. Assicurarsi che i ragazzi siano consapevoli che tutto ciò che inseriscono online non ha una data di scadenza.   

A tal proposito, Google nei giorni scorsi ha ricevuto dai cittadini europei più di 41mila richieste di rimozione di link a loro riferiti, dopo che la società ha reso disponibile un modulo da compilare online per inoltrare le richieste. Lo ha reso noto il Financial Times, che ha sentito fonti vicine alla compagnia americana. Google ha introdotto il meccanismo di richieste online dopo la sentenza della Corte Europea del 13 maggio, relativa al caso di un cittadino spagnolo, in cui ha riconosciuto il diritto all'oblio e alla rimozione di link giudicati "inadeguati o irrilevanti".  Secondo il Financial Times una parte consistente arriverebbe dalla Germania e dal Regno Unito. Sempre secondo il quotidiano, i primi link saranno rimossi dal web a partire dalla metà di giugno.

Per ulteriori informazioni sullo studio, visitare il sito: 
• Partecipare alla discussione su Twitter @McAfeeConsumer usando #TeensNScreens

Metodologia Quantitativa
La Futures Company ha condotto un sondaggio tra 1.502 uomini e donne, giovani e adulti di età compresa tra 10 e 18 anni negli Stati Uniti. Il sondaggio è stato diviso equamente tra età e sesso. Le interviste sono state condotte dal 2 aprile 2014 al 14 aprile 2014.

A proposito di McAfee
McAfee, parte di Intel di sicurezza e di una società interamente controllata da Intel Corporation (NASDAQ: INTC), autorizza le imprese, il settore pubblico, e gli utenti domestici di sperimentare in modo sicuro i vantaggi di Internet. L'azienda offre prodotti e servizi di sicurezza riconosciuti e proattivi per sistemi, reti e dispositivi mobili in tutto il mondo. Con il suo Security Connected strategia visionaria, approccio innovativo alla sicurezza hardware avanzata, e unica rete di intelligence delle minacce globali, McAfee è costantemente concentrata sul mantenere i propri clienti al sicuro. http://www.mcafee.com.
Nota: McAfee è un marchio registrato di McAfee, Inc. negli Stati Uniti e in altri Paesi. Altri nomi e marchi possono essere rivendicati come proprietà di terzi.

Nessun commento:

Posta un commento