domenica 15 settembre 2013

Facebook aggiorna politiche uso dati degli utenti e FTC avvia indagine


Facebook sta procedendo ad aggiornare due importanti documenti che regolano la piattaforma. Il social network ha proposto una serie di modifiche  alla sua dichiarazione dei diritti e delle responsabilità e della politica di utilizzo dei dati (Data Use Policy), due documenti separati che governano il modo in cui l'azienda gestisce la pubblicità, i dati degli utenti, e la ritenzione di terzi di tali dati. I documenti spiegano il modo in cui Facebook raccoglie i dati e le regole che l’utente accetta quando decide di usare Facebook, come ad esempio nel caso del Graph Search da poco introdotto. Le  linee guida sarebbero state modificate per eliminare la maggior parte degli ostacoli significativi per l'esecuzione di una promozione di una pagina brand.

"Nel quadro dell'aggiornamento che stiamo proponendo, abbiamo modificato la spiegazione del modo in cui alcune informazioni (come il nome, l'immagine del profilo e i contenuti di ciascun utente) possono essere usate in connessione con le nostre inserzioni o contenuti commerciali. Abbiamo apportato tale modifica per assicurarci che gli utenti sappiano chiaramente che, usando i nostri servizi, concedono a Facebook l'autorizzazione a fare tale uso delle loro informazioni", si legge in una nota di Facebook Site Governance.

"Tale aggiornamento - prosegue la nota - va inquadrato nell'ambito di un processo legale in cui siamo stati coinvolti relativamente al nostro sistema pubblicitario, e speriamo che questa spiegazione aiuti tutti gli utenti a comprendere in che modo usiamo le informazioni. A tale scopo, abbiamo anche incluso un esempio del modo in cui funzionano le inserzioni. Abbiamo apportato anche qualche altra modifica per assicurarci che tutti gli utenti siano al corrente che le applicazioni di Facebook possono essere aggiornate occasionalmente e che, nonostante Facebook offra i suoi servizi a titolo gratuito, l'utente è comunque responsabile per il pagamento di eventuali costi correlati al trasferimento dei dati o alla trasmissione di messaggi di testo".


Facebook sostiene anche il diritto di condividere le informazioni pubbliche del profilo con altri: "Potremmo consentire l'accesso alle informazioni pubbliche che sono state condivise con i nostri servizi, o di consentire ai fornitori di servizi di accedere alle informazioni in modo che possano aiutarci a fornire un servizio". In altre parole, Facebook può vendere i dati pubblici di altri. Come consiglia TechCrunch, bloccare qualsiasi cosa che non si vuole far vedere fuori davvero. Facebook consigli a tutti gli utenti di leggere un riassunto sezione per sezione di entrambi questi documenti, in cui sono disponibili ulteriori dettagli sugli aggiornamenti proposti.

Il New York Times ha riferito che la Federal Trade Commission ha avviato Mercoledì un'indagine sulla recente revisione di Facebook delle sue politiche sulla privacy, perché avrebbe violato un accordo 2011 con le autorità di regolamentazione. In base a tale accordo, al social network è necessario ottenere il consenso esplicito degli utenti prima di esporre le loro informazioni private in modo pubblico. Le nuove politiche di Facebook rendono chiaro che gli utenti sono tenuti a concedere alla società ampio permesso di utilizzare i propri dati personali in pubblicità come condizione di utilizzo del servizio. 

Facebook ha informato la FTC delle nuove policy poco prima che fossero pubblicate sul suo sito web. Ha detto le sue nuove politiche rispettano la FTC di fine 2011, nonché l'insediamento della class action separata 2013. "Noi abitualmente discutiamo gli aggiornamenti della politica con la FTC, e questa volta è diverso", ha detto in una dichiarazione Jodi Seth, un portavoce di Facebook. "Le nostre politiche di aggiornamento non concedono a Facebook ulteriori diritti per utilizzare l'informazione dei consumatori nella pubblicità. Piuttosto, le nuove politiche chiariscono ulteriormente e spiegano le nostre pratiche esistenti".



Mercoledì scorso, il senatore Edward J. Markey, democratico del Massachusetts, ha intensificato la pressione sul FTC, l'invio di una lettera all'agenzia sollevando preoccupazioni per le nuove politiche e chiedendo un'inchiesta. "Questo cambiamento preoccupante nella politica solleva una serie di interrogativi sul fatto che Facebook non modifica correttamente la sua politica sulla privacy senza un adeguato consenso dell'utente e, se le modifiche entreranno in vigore, gli utenti di Facebook perderanno il controllo sulle loro informazioni personali", ha scritto il senatore Markey.

La società insiste sul fatto che, nonostante le modifiche redazionali, le nuove politiche non cambiano i diritti che i suoi utenti hanno su più dati personali. Quando si tratta di pubblicità, Facebook ha a lungo sostenuto che essa può utilizzare liberamente il nome di una persona, foto, commenti e altre informazioni nella pubblicità fino a quando mostra l'annuncio solo a persone che hanno già i diritti per vedere le informazioni sottostanti. Ad esempio, se piace un post di Starbucks che può teoricamente essere visualizzato dai propri amici di Facebook, l'azienda del caffè può pagare Facebook per trasmettere quel commento a tutti i suoi amici per migliorare le probabilità che lo vedano. 

Questo tipo di pubblicità, nota come una storia sponsorizzata, è preziosa per gli inserzionisti perché sembra un avallo del prodotto da un amico fidato, piuttosto che un annuncio tradizionale. Le polemiche sulla privacy di Facebook si estendono ai suoi primi giorni. Nel 2007, ad esempio, Facebook ha iniziato un servizio chiamato Beacon che ha trasmesso automaticamente gli acquisti di una persona su altri siti ai loro amici di Facebook. L'accordo del 2011 con la FTC è venuto dopo che la società ha deciso di rendere alcune informazioni private sui suoi utenti più pubbliche. Le modifiche alle norme di Facebook dovevano entrate in vigore il 5 settembre, ma dopo le polemiche la società ha ritardato l'adozione delle policy.

Nessun commento:

Posta un commento