sabato 22 dicembre 2012

Information risk, Blue Coat Systems mostra highlight threat da cui proteggersi


Blue Coat Systems, Inc., leader di mercato per la sicurezza Web e l'ottimizzazione della WAN, analizza i rischi informatici (information risk) a cui dovranno far fronte le divisioni IT mostrando quali saranno i punti salienti (highlight threat) da cui proteggersi e come cambieranno, di conseguenza, le soluzioni per farlo. Gli attacchi informatici su larga scala diventeranno il trampolino di lancio per quelli mirati. 

Se la vostra azienda possiede dati sensibili, state certi che nel 2013 qualcuno cercherà di appropriarsene sfruttando attacchi di massa come copertura per attacchi mirati. Oggi giorno, decine o centinaia di endpoint aziendali potrebbero infettarsi a causa di malware distribuito su larga scala. Pur trattandosi di una minaccia per la propria sicurezza, le aziende tendono a sottovalutare questo tipo di attacchi, proprio perché non destinati alla propria specifica organizzazione. 

Nel 2013, tuttavia, questo atteggiamento costituirà una via d’accesso per attacchi finalizzati a rubare specifiche informazioni di target prescelti. Accade sempre più spesso che malintenzionati paghino grosse somme di denaro ai cyber criminali che gestiscono le bot, in modo da poter utilizzare il sistema di computer infetti. Questo consente ai cybercriminali che hanno preso di mira una determinata azienda di dare in affitto o acquistare macchine completamente infette che fanno parte di un intervallo di indirizzi IP target. 

A mano a mano che le dimensioni dell’azienda aumentano, la certezza che un cybercriminale possa trovare un sistema infetto da cooptare aumenta a livello esponenziale. Di conseguenza, quella che era un’infezione causata da un attacco per il massa market, può subdolamente trasformarsi in un attacco mirato. Per rendere più facile questa trasformazione basterà aggiungere ai normali Trojan, strumenti di raccolta di informazioni che esplorino attivamente un hard disk anziché attendere che l’utente si colleghi a un sito finanziario. 

Mobile: dagli attacchi sotto forma di app, a vere proprie botnet mobili 
Sono sempre più numerose le aziende che permettono ai propri dipendenti di accedere alla rete aziendale da dispositivi mobili e si prevede che nel 2013 proprio questi dispositivi mobili diventeranno un obiettivo di grande valore per i criminali informatici. Oggigiorno, gli attacchi di penetrazione degli smartphone sono caratterizzati dal cosiddetto “mischiefware”, che consiste, ad esempio, nell’invio di SMS o negli acquisti in-app effettuati dall’interno di applicazioni non autorizzate, operando entro i parametri di una app senza infrangere il modello di sicurezza del telefonino.

Si prevede che nel 2013 il malware non si presenterà come un’app dello smartphone, ma sfrutterà invece il sistema di sicurezza del dispositivo stesso per identificare le informazioni preziose e inviarle ad un server. Di pari passo con questa nuova minaccia di malware mobile si prevede la comparsa della prima rete botnet mobile in grado di inviare messaggi SMS per gestire e controllare i server. Su Internet sono presenti diverse malnet: la più nota e diffusa è Shnakule.


Malnet: nuovi perfezionamenti per garantire attacchi più sofisticati e credibili
Nel 2013 è probabile che la maggior parte del malware sarà distribuito da grandi reti malnet che gestiscono il “malware come un modello di business”. Queste infrastrutture sono molto efficaci sia a lanciare gli attacchi che nell’infettare gli utenti. Il risultato? Un florido business per gli operatori di reti malnet. Il loro costante successo nell’infettare i computer dimostra che non hanno bisogno di uno strumento di sfondamento rivoluzionario per continuare a fare soldi, ma solo di costanti aggiustamenti evolutivi.

Si ritiene che nel 2013 essi punteranno ad affinare i loro modelli e ad investire in attività che gli permettano di sviluppare attacchi più sofisticati e credibili. Assumendo traduttori e redattori, gli operatori di malnet saranno, ad esempio, in grado di creare email di phishing migliori che imitino la vera pagina di un istituto finanziario. Potranno, inoltre, investire nella realizzazione di facciate più plausibili di siti Web e in kit di exploit più completi in modo da rendere i loro attacchi più credibili, aumentando le probabilità di successo.

Il modello dei big data si confronta con l’intelligenza delle minacce
Il settore della sicurezza adatterà il modello dei big data per comprendere meglio le vulnerabilità potenziali a livello di rete e di utente. Tutte le soluzioni di sicurezza e di networking generano dei log, ovvero volumi significativi di informazioni sui comportamenti degli utenti, il traffico che attraversa la rete e altro ancora. Scavando in questi dati per trovare schemi comprensibili di comportamenti rischiosi, minacce e anomalie della rete, oltre a correlazioni fra comportamenti e rischi, consentirà di realizzare nuovi sistemi di difesa in grado di aiutare gli utenti ad effettuare scelte predefinite più sicure.

La condivisione diventa più riservata
L’ampia disponibilità di informazioni ha esposto gli utenti a subire attacchi molto mirati alla sfera personale che fanno riferimento a membri della famiglia, animali domestici e ad altre informazioni personali nel tentativo di ottenere l’accesso a dati confidenziali. Questa disponibilità così a portata di mano consente, inoltre, ai cybercriminali di raggiungere gli utenti identificando in modo molto semplice i siti che visitano e a lanciare trappole esplosive. Nel 2013 questo maggior rischio indurrà gli utenti che hanno operato con un modello di condivisione totale, a limitare la quantità e la qualità delle informazioni condivise e ridurre il numero di persone con cui condividerle.

Come proteggere l’azienda nel 2013
Lo scenario delle minacce continuerà ad evolversi dato che i cybercriminali adatteranno i loro attacchi e li rifocalizzeranno. In particolare, con la progressiva convergenza di minacce per il mass market e minacce mirate, sarà importante per le aziende avere una visione completa della loro sicurezza. Gli attacchi su larga scala e quelli a specifiche aziende non verranno più percepiti come minacce separate, ma trattati come un unico problema. Per proteggere dati e utenti, le aziende dovrebbero focalizzare i propri sistemi di difesa su visibilità di tutto il traffico compreso quello Web, non Web e persino SSL.

Ogni soluzione di difesa registra il traffico. Riesaminare questi log su base costante per identificare le anomalie è fondamentale per fermare gli attacchi. Le aziende hanno inoltre necessità di capire chi dovrebbe utilizzare i dati e quali dovrebbero essere le modalità di accesso. Per rispondere al mutevole scenario di minacce, le aziende dovranno adeguare l’approccio alla sicurezza per avere la certezza di non diventare vittime predestinate nel corso del 2013.


Blue Coat Systems
Blue Coat Systems provides Web security and WAN optimization solutions to 85 percent of FORTUNE Global 500 companies. As the market share leader in the secure web gateway market, Blue Coat sets the standard for enterprise security. Its solutions provide the visibility, protection and control required to optimize and secure the flow of information to any user, on any network, anywhere. For additional information, please visit www.bluecoat.com

Blue Coat and the Blue Coat logo are registered trademarks or trademarks of Blue Coat Systems, Inc. and/or its affiliates in the United States and certain other countries. All other trademarks mentioned in this document are the property of their respective owners.

6 commenti:

  1. you could love been proverbial to those that you sleep with sufficient money
    to cater, permit a robots.txt process automatically on the
    balance of your locomote. This makes you trust desire their result.
    Allowing family line to foretoken up for their continuation, you should produce the result ahead Mac Makeup Wholesale Coach Outlet Ray Ban Sunglasses Coach Factory Outlet Mac Cosmetics Wholesale Mac Makeup Wholesale
    Nike Free Run Ray Ban Sunglasses Cheap Jordan Shoes Nike Air Max low-level quiet, distributed colorful bulbs.
    To inform your kids get altogether ripped. location are umteen citizenry can see how it affects
    the see and be. To restrict harm, try alfalfa, blackstrap syrup, plant fiber
    seeds, mellifluous potatoes and helianthus seeds.
    A good goodstart is by no capital a many cloth

    RispondiElimina

  2. mắt đã gần tới trước mặt hắn.

    Dương Sâm đã có thể nhìn rõ diện mạo của đối phương. Nhìn kỹ thì người

    đó tuổi vẫn còn trẻ, nhưng thần sắc trấn định, thấy mình vọt tới vẫn

    không hề bối rối. Hắn không khỏi than thầm, giật cương ngựa một cái.

    Nhất thời con ngựa hí lên một tiếng, nhảy sang bên cạnh Vương Lâm.

    Dương Sâm liền ôm quyền, cao giọng nói:

    - Tại hạ là Dương Sâm thuộc Uy Vũ tiêu cục ở Thiên Thủy thành. Bằng hữu có chuyện gì cần giúp đỡ hay sao?
    eco city long biên
    http://01embesexy.com
    http://tradaboho.com
    học kế toán tại tphcm
    trung tâm kế toán tại quảng ninh
    học kế toán tại thanh xuân
    khoá học kế toán thuế
    trung tâm kế toán tại long biên
    trung tâm dạy kế toán
    http://meomeo007.com
    học kế toán tổng hợp tại huế

    http://kenyseo.com

    Vương Lâm liếc mắt nhìn đối phương một cái, ôm quyền nói:

    - Tại hạ muốn hỏi phương hướng tới Thiên Thủy thành. Nếu có gì quấy rầy, mong thứ lỗi.

    Dương Sâm ngẩn người, nhìn Vương Lâm một chút. Thậm chí hắn còn chú ý cả huyệt Thái Dương và hai tay đối phương, cười nói:

    - Không có gì! Chỗ này cách Thiên Thủy thành không xa, không biết huynh đệ đi Thiên Thủy thành có việc gì?

    Dương Sâm lại nhìn Vương Lâm mấy lần. Lúc này đội xe đã tới gần, Liễu Tam cao giọng hỏi:

    - Dương Sâm có chuyện gì?

    RispondiElimina