domenica 21 ottobre 2012

Facebook lancia campagna sicurezza e strumenti contro bullismo online


Dato che Ottobre è considerato negli Stati Uniti il mese nazionale di consapevolezza del bullismo, Facebook ha lanciato una nuova pagina nel suo Family Safety Center per fornire al miliardo e passa di utenti gli strumenti necessari per prevenire il cyberbullismo. In una dichiarazione, il social network ha detto che la nuova pagina è stata progettata "per sensibilizzare l'opinione pubblica sulle azioni specifiche che le persone possono prendere su Facebook per prevenire il bullismo".

"Il bullismo è inaccettabile, sia che si verifica sui campi da gioco delle scuole online, e una delle chiavi per affrontare il problema è la creazione di comunità di supporto e di una cultura della responsabilità", ha scritto il team di sicurezza del social network. "La pagina che abbiamo lanciato si basa sul nostro impegno a mantenere la sicurezza online delle persone, offrendo nuove risorse ed esistenti in una posizione conveniente", ha aggiunto. La pagina sarà disponibile a questo link: https://www.facebook.com/safety/bullying.

E' storia di questi giorni la morte della quindicenne Amanda Todd, a poche settimane dalla pubblicazione di un video in cui denunciava le molestie di cui era vittima. Il collettivo hacker di Anonymous ha pubblicato l'identità del cyber-bullo che avrebbe spinto la liceale canadese al suicidio diffondendo sul Web le sue foto in topless. Nel mese di marzo, Facebook ha introdotto il suo strumento di Social Reporting, features create in un certo numero di prodotti Facebook per aiutare i bambini a contrastare da soli il bullismo sul sito.


Questi strumenti comprendono un'opzione "segnala / rimuovi" che permette agli utenti di comunicare a un membro della loro comunità, oltre che a Facebook, quando vedono qualcosa che non piace, come ad esempio una foto. Jake Brill, product manager di Facebook ha detto che il "bullismo sul sito non sempre significa che qualcuno stia violando necessariamente le sue policy e i termini di servizio. Potrebbe trattarsi solamente di una foto di voi che è critica o imbarazzante".

Facebook dice di aver lavorato con una serie di professionisti, tra cui insegnanti, al fine di costruire i propri strumenti di risoluzione sociali, insieme alla pagina bullismo. Attualmente, Facebook ha implementato nuove funzionalità appositamente per ragazzi di 13 e 14 anni che aiutano a predisporre un messaggio agli amici quando si desidera che una foto venga rimossa. È possibile fare clic su "segnala o rimuovi tag" e poi "Mi piacerebbe che questa foto venga rimossa da Facebook perché:"

Facebook chiede quindi di compilare un form con la motivazione prima di passare alla schermata successiva. Se si fa clic su, per esempio, "non mi piace questa foto" verrà chiesto se si tratta di una brutta foto, imbarazzante, mostra un comportamento inappropriato, offensivo, o altro. Poi viene scritto un messaggio in base alle risposte per l'invio al "bullo". Sono disponibili sul sito anche dei link a una serie di organizzazioni non profit che aiutano i bambini con delle guide contro il bullismo, come ad esempio il toolkit di Pacer.org

Facebook Stories ha pubblicato anche il video intitolato "We Are All Daniel Cui", nel quale viene descritta la storia di uno studente che non è riuscito a salvare un gol durante una partita di calcio importante ed è diventato vittima di una feroce campagna di bullismo. Facebook pensa che questo sia uno dei tanti grandi casi di studio che illustrano come gestire una situazione di potenziale bullismo. Ogni mese, Storie di Facebook ha un nuovo tema. Nel mese di agosto, il tema è stato "Non dimenticare".



I dati stanno mostrando i primi risultati interessanti: Facebook sta assistendo a un aumento di ben 4 volte nel trovare una risoluzione tra gli utenti e l'81% afferma di avere avuto un'esperienza positiva, quando ricorre agli strumenti di auto-risoluzione su Facebook. La società sta anche collaborando con l'Ad Council Ad, un'organizzazione no-profit che sta mettendo su una nuova campagna pubblicitaria intorno a Facebook che apparirà in televisione, nella stampa e on-line, utilizzando contenuti del suo programma Stop Bullying: Speak Up.

"Stop Bullying: Speak" è la nuova campagna di sensibilizzazione realizzata da Facebook nella quale viene spiegato cos'è il bullismo e fornisce alcuni consigli su come affrontare un bullo, non solo in una pagina di Facebook ma anche nella vita reale. Di recente la pagina dell'iniziativa ha raggiunto il milione di "Mi piace", e secondo Facebook, più di 140.000 persone "hanno preso l'impegno di essere più di un semplice spettatore". Il team di sicurezza Facebook ha dichiarato a chiusura della nota:

"La sicurezza è una conversazione in corso, e tutti noi abbiamo un ruolo per affrontare il bullismo. Queste iniziative sono fondamentali per la creazione di una cultura in cui le persone si trattano con rispetto. Insieme con gli educatori, le famiglie, i leader della comunità di sicurezza, avvocati, accademici, il governo e l'industria, si continuerà ad utilizzare la potenza e la portata della nostra piattaforma per aumentare la consapevolezza del bullismo e di come prevenirlo". Di seguito il nuovo video che mostra come lavorano gli strumenti di risoluzione sociali.

1 commento: