lunedì 24 settembre 2012

Privacy, Facebook sospende il riconoscimento automatico del volto in Europa


Facebook ha sospeso lo strumento di riconoscimento facciale che suggerisce quando gli utenti registrati potrebbero essere taggati nelle fotografie caricate nel suo sito web. La mossa segue una revisione degli sforzi di Facebook per attuare modifiche raccomandate l'anno scorso dal commissario per la protezione dei dati Irlandese. Billy Hawkes, che non ha chiesto la rimozione totale dello strumento, si è detto incoraggiato dalla decisione di spegnerlo per gli utenti in Europa entro il 15 ottobre.

Hawkes ha detto che l'onorevole Facebook "sta inviando un chiaro segnale della sua volontà di dimostrare il proprio impegno alle migliori pratiche nel rispetto della protezione dei dati". Richard Allan, direttore della politica di Facebook per l'Europa, Medio Oriente e Africa, ha dichiarato: "L'Unione europea ha esaminato la questione per assicurare il consenso per questo tipo di tecnologia e ha emesso nuove linee guida. "La nostra intenzione è quella di ripristinare la funzione il tag-suggestion, ma coerente con le nuove linee guida. Il servizio  avrà bisogno di una diversa forma di comunicazione e di consenso".

Lo strumento di riconoscimento facciale non faceva parte delle attività commerciali della società e non ha generato le lamentele di molti utenti, ha aggiunto. Nel mese di dicembre 2011 il Data Protection Commissioner (DPC) ha dato sei mesi di tempo a Facebook conformarsi alle sue raccomandazioni. Tra questi una maggiore trasparenza su come i dati vengono utilizzati e in che modo gli individui sono bersaglio di inserzionisti e di controllo utente più rispetto alle impostazioni di privacy.

Venerdì scorso, il signor Allan ha detto: "Quando si pensa all'inchiesta assai vasta effettuata dal DPC in Facebook, si è guardato ogni aspetto del nostro servizio e la nostra scheda di valutazione complessiva è molto buona. Nella maggior parte delle aree esaminate, il DPC ha rilevato che ci stiamo comportando in un modo che non solo è conforme, ma un modello ragionevole per le buone pratiche".


Inoltre, il DPC ha detto che ci sono ancora alcune aree in cui è stato richiesto più lavoro, e ha chiesto un altro aggiornamento da Facebook in queste aree tra quattro settimane. Il Vice commissario Gary Davis ha detto alla BBC che il DPC è rimasto preoccupato del fatto che le foto contrassegnate per l'eliminazione non sono state effettivamente cancellate entro 40 giorni come previsto dalla legge irlandese per la protezione dei dati.

"Vogliamo anche un pò di chiarezza sugli account inattivi e disattivati - pensiamo che Facebook dovrebbe contattare direttamente gli utenti dopo un periodo di tempo e vedere se vogliono tornare",  ha detto. Molta gente ha fatto ritorno sul sito dopo un lungo periodo di distanza, David ha detto, ma gli utenti con account inattivi dovrebbero essere contattati entro due anni dal loro ultimo log-in. Terry Davis ha anche detto che gli piacerebbe che Facebook faccia di più per educare gli utenti esistenti circa le sue politiche sulla privacy.

"Vorremmo anche ulteriori informazioni in materia di pubblicità - non vi è la possibilità per l'uso di termini che potrebbero essere sensibili - quali etnia, l'appartenenza sindacale, affiliazione politica - per essere utilizzati da inserzionisti di indirizzare gli altri sulla base di queste parole", ha detto. Ma il signor Davis ha aggiunto: "Le discussioni e le negoziazioni che hanno avuto luogo, mentre spesso robuste su entrambi i lati, sono state sempre costruttive con l'obiettivo collettivo di rispetto dei requisiti di protezione dei dati".

La sospensione della funzionalità per il riconoscimento facciale avrà valore entro il 15 ottobre prossimo per tutti gli utenti nei paesi comunitari. Nel frattempo sussiste ancora il problema in Germania, dove l'unione dei consumatori tedeschi (VZBV) ha minacciato di citare Facebook in giudizio qualora non dovesse richiedere esplicitamente ai propri utenti di accettare che i loro dati vengano condivisi quando scaricano le applicazioni. Facebook infatti non indica tutte le informazioni che verranno condivise con i produttori delle app prima che l'utente clicchi su Installa o Gioca.

8 commenti:

  1. Io c'ho smenato il profilo sul riconiscimento dei tag, solo perchè non ero in grado di riconoscere centinaia di improbabili foto. Facebook sia esplicito: NON E' CONSENTITO AVERE TANTE AMICIZIE IN POCO TEMPO e definisca il cosidetto "PORCELLUM" come deprecabile. I profili fake o troll, invece, rimangono lì.

    RispondiElimina