sabato 5 maggio 2012

Consumer Reports: milioni utenti Facebook ignorano controlli su privacy


Nonostante gli sforzi di Facebook per aumentare la consapevolezza, quasi 13 milioni su 183 milioni di utenti del social network negli Stati Uniti e in Canada non hanno accesso o non sono a conoscenza dei suoi controlli della privacy, secondo un nuovo studio condotto da Consumer Reports. "Più di 150 milioni di americani utilizzano già il sito, e il numero cresce ogni giorno, perché Facebook rende così facile tenere il passo con amici, parenti e colleghi, scoprire grandi contenuti, connettersi a cause, condividere foto, grancassa per imprese, e conoscere eventi divertenti", scrive Consumer Reports.

Per fornire questo servizio, Facebook e altri social network raccolgono enormi quantità di informazioni estremamente riservate, che distribuiscono più rapidamente e ampiamente rispetto ai tradizionali canali di raccolta dati di consumatori e imprese. "E' fantastico quando ti aiuta a trovare vecchi compagni di classe o vedere gli annunci per le cose che realmente si desidera acquistare. Ma qual'è la quantità di informazioni che veramente viene raccolta su di voi? Come vengono usate? E potrebbero cadere nelle mani sbagliate?", sono le domande alle quali risponde il rapporto di Consumer Reports.

Per scoprirlo, Consumer Reports ha interrogato Facebook e intervistato circa una ventina di persone, tra le quali esperti di sicurezza, avvocati della privacy, gli sviluppatori di applicazioni e le vittime di sicurezza e di abuso della privacy. Consumer Reports ha scavato nella ricerca della privata, accademica, e del governo, così come nelle labirintiche politiche di Facebook e dei controlli. Gli esperti di Consumer Reports hanno intervistato 2.002 famiglie online, tra cui 1.340 che sono attive su Facebook, per il suo rapporto annuale State of the Net. Hanno poi proiettato tali dati per stimare i totali nazionali. Il quadro che emerge presenta macchie luminose, ma anche molte cause di preoccupazione, tra le quali:

  • Alcune persone stanno condividendo troppo. Le proiezioni del rapporto indicano che 4,8 milioni di persone hanno usato Facebook per dire dove avevano progettato di andare in un determinato giorno (una potenziale soffiata per i ladri) e che a 4,7 milioni "piaceva" una pagina di Facebook sulle condizioni di salute o i trattamenti (i dettagli che un assicuratore potrebbe utilizzare contro di gi utenti).
  • Alcuni non utilizzano i controlli della privacy. Quasi 13 milioni di utenti hanno detto che non avevano mai messo, o non conoscono, gli strumenti di Facebook sulla privacy. E il 28 per cento hanno condiviso tutto, o quasi, dei loro messaggi bacheca con un pubblico più ampio rispetto ai loro solo amici.
  • Facebook raccoglie più dati di quanto si possa immaginare. Ad esempio, Facebook crea un rapporto ogni volta che si visita un sito con un pulsante Facebook "Mi piace", anche se non si fa clic sul pulsante, non si è un utente di Facebook, o non si è loggati.
  • I vostri dati sono condivisi più ampiamente di quanto si potrebbe desiderare. Anche se si limitano i propri dati per essere visti solo dagli amici, un amico che sta utilizzando una applicazione Facebook potrebbe consentire a tali dati di essere trasferiti a terzi all'insaputa dell'amico.
  • Le protezioni legali sono cespugliose. Le leggi statunitensi sulla privacy on-line sono più deboli di quelli d'Europa e gran parte del mondo, in modo da avere alcuni diritti federali per vedere e controllare la maggior parte delle informazioni che le reti sociali raccolgono sugli utenti.
  • E i problemi sono in aumento. L'11% delle famiglie che utilizzano Facebook ha detto di aver avuto problemi lo scorso anno, che vanno da persone che utilizzano il loro log-in senza permesso per essere molestati o minacciati. Con un aumento del 30% in più rispetto alle 7 milioni di famiglie del rapporto dello scorso anno .

Alcuni di questi problemi derivano dalle scelte povere che fanno gli utenti. Ma c'è anche la prova che le persone stanno trattando Facebook con maggiore cautela, il 25% ha detto che ha falsificato le informazioni nei loro profili per proteggere la loro identità, contro il 10% di due anni fa. Altri problemi possono derivare dai modi con i quali Facebook raccoglie i dati, come gestisce e confeziona i suoi controlli della privacy, e il fatto che i vostri dati possono finire con persone o società con le quali non avevate l'intenzione di condividerle.

Andrew Noyes, manager della comunicazione delle policy pubbliche di Facebook, dice che l'azienda ha presosul serio i problemi di privacy e sicurezza. Il Co-fondatore e Chief Executive Officer di Facebook Mark Zuckerberg ha più volte sottolineato che il social network esegue controlli sulla privacy per decine di miliardi di accessi ogni giorno, e Facebook ha lanciato iniziative per dare agli utenti una maggiore accesso ai propri dati personali, e per monitorare l'uso dei dati personali da parte delle Apps. Consumer Reports ha offerto i seguenti suggerimenti agli utenti di Facebook per proteggere la loro privacy:

  • Pensate prima di digitare. Anche se si elimina un account su Facebook(che richiede circa un mese), alcune informazioni possono rimanere nei computer di Facebook per un massimo di 90 giorni.
  • Controllate regolarmente la vostra esposizione. Ogni mese, verificare come la vostra pagina si presenta agli altri. Rivedete le singole impostazioni sulla privacy, se necessario.
  • Proteggere le informazioni di base. Impostate il pubblico per gli oggetti d'uso, ad esempio la vostra città o datore di lavoro. E ricordate: Condividere informazioni con "gli amici degli amici" potrebbero esporli a decine di migliaia di persone.
  • Sapere cosa non si può proteggere. Il vostro nome e la foto del profilo sono pubblici. Per proteggere la vostra identità, non dovreste utilizzare una vostra foto, o utilizzare una che non mostra il vostro volto.
  • La vostra bacheca 'UnPublic'. Impostare il pubblico per tutti i messaggi precedenti sulla bacheca agli amici giusti.
  • Spegnere Tag Suggest. Se preferite non avere Facebook il riconoscimento automatico del votro viso in foto, disattivare questa funzione dalle impostazioni di privacy. Le informazioni verranno cancellate.
  • Blocco applicazioni e siti che spiano. A meno della vostra intercessione, gli amici possono condividere le informazioni personali su divoi con le applicazioni. Per bloccare questo, utilizzare i controlli per limitare le informazioni che le apps possono vedere.
  • Preservare i messaggi bacheca da amici. Non c'è bisogno di condividere ogni post bacheca con ogni amico. È inoltre possibile impedire alla gente di visualizzare alcuni elementi specifici nel vostro profilo.
  • Quando tutto il resto fallisce, disattivare. Quando un utente disattivare il proprio account, Facebook mantiene i dati del profilo, ma l'account è temporaneamente inaccessibile. L'eliminazione di un account, invece, lo rende inaccessibile per sempre.

Rispondendo al sondaggio, Facebook ha rilasciato questa dichiarazione: "Crediamo che più di 900 milioni di consumatori hanno volontariamente deciso di condividere e connettersi su Facebook perché noi forniamo loro opzioni e strumenti che li mettono in grado di controllare le loro informazioni e esperienze. Come parte del nostro sforzo per responsabilizzare ed educare i consumatori, abbiamo dato sempre il benvenuto a conversazioni costruttive sulla privacy online e la sicurezza". Facebook ha più volte detto che le informazioni dell'utente appartengono all'utente, e che l'utente è autorizzato a richiedere una copia dei propri dati su Facebook. Ma il grande tesoro di dati personali che viene condiviso giornalmente su Facebook può anche essere sfruttato da altri.

Nessun commento:

Posta un commento