domenica 4 settembre 2011

Facebook testa pulsante per la traduzione automatica dei commenti


Facebook potrebbe essere pronta a lanciare un pulsante che consentirà agli utenti di tradurre i commenti da altre lingue, il che darà la possibilità ai 750 milioni di utenti in tutto il mondo di poter parlare più facilmente tra loro. Nei test che sono stati individuati da Inside Facebook su alcune parti del sito (per adesso solo su Pagine), i commenti in lingue diverse da quella corrente del proprio account ora comprendono il pulsante "Traduci". Se si fa clic sul pulsante, il commento viene automaticamente tradotto nella propria lingua. 

Il pulsante Traduci viene poi sostituito dall'originale, che se cliccato non tradurrà il commento ("Originale"). Facebook ha già sviluppato con successo il crowdsourcing per la traduzione del proprio sito in decine di lingue, che collegano milioni di persone in giro per il mondo in modi nuovi e inaspettati. La maggior parte degli utenti non riesco a comunicare molto con persone che parlano altre lingue, semplicemente perché non riescono a capire l'altro (a meno che lo facciano manualmente attraverso un servizio di terze parti come Google Translate). 

Naturalmente, gli utenti che già parlano più lingue, non avranno sempre bisogno di questo strumento. Ma si possono ancora vedere come ci sono alcuni casi di utilizzo potenzialmente molto grandi. I proprietari delle pagine, soprattutto quelle internazionalmente più popolari, sono inondati da commenti attraverso i linguaggi che supporta Facebook. Esistono probabilità  che non venga capito tutto quello che ogni fan ha detto, così bisogna fare affidamento a Google Translate o altri strumenti. Facebook sembra essere incentrato sulla soluzione di quel problema, la caratteristica funzionerà adesso solo per le pagine.


Se Facebook introdurrà questa funzione per i profili personali e pure per le applicazioni, si possono anche immaginare altri modi interessanti per il suo utilizzo. Per esempio, famiglie di immigrati che parlano più di una lingua di comunicazione  sono spesso divisi generazionalmente, in genere nei casi in cui i membri più anziani parlano la lingua del paese d'origine, mentre le generazioni più giovani parlano la lingua del paese ospitante. Sarà adesso più facile utilizzare Facebook di relazionarsi gli uni agli altri. 

Nel frattempo, i giocatori sociali con gli amici internazionali potrebbero più facilmente collaborare per ottenere più punti in un gioco, organizzare manifestazioni, o qualsiasi altra cosa. Per ora, sembra sia disponibile solo in alcune lingue, tra cui spagnolo, francese, ebraico e cinese . Ed inoltre non sempre riconosce i commenti, fornendo una risposta del tipo "Non ci sono traduzioni disponibili per questa storia al momento" o, talvolta, non trova le parole giuste per particolari frasi. Ma nei test effettuati, sembra che il sistema abbia una buona familiarità con lo Slang

La tecnologia di traduzione ha capito come comunicare "totalmente" dall'ebraico all'inglese, per esempio. E 'possibile che la tecnologia stia facendo l'uso di input da traduzioni esistenti raccolte dagli utenti nell'Urban Dictionary, un dizionario online dedicato allo slang in lingua inglese. La funzione potrebbe avere conseguenze di vasta portata su come le persone utilizzano Facebook, e su come comprendere il resto del mondo.  Più pessimisticamente, i truffatori non avranno problemi a diffondere su Facebook i loro messaggi spam in varie lingue, senza ricorrere alle truffe localizzate.

4 commenti: