mercoledì 10 agosto 2011

Annunci infiltrati pubblicitari spam Facebook dirottano marca Dealzon

Nel corso delle ultime settimane, gli utenti di Facebook hanno visualizzato uno spettacolare annuncio di gadget, pubblicizzato dal sito Dealzon.com nei riquadri dedicati alle inserzioni sul social network, riguardante un presunto iPad 2, per soli 11,37 dollari. E' completamente falso. Una società chiamata GrabSwag.com ha rubato l'identità di Dealzon, e ora Facebook è di fronte a un problema molto grande.


Nel corso delle ultime settimane, gli utenti di Facebook potrebbero aver notato un affare spettacolare pubblicizzato sul social network un gadget-sconto per il sito di Dealzon.com: un iPad 2, per soli 11,37 dollari. C'è solo qualche problema con l'annuncio: Dealzon non ha mai sottoscritto pubblicità su Facebook, non ha mai offerto un iPad 2, ed è certo che non ha mai descritto Venerdì un dispositivo costoso per il prezzo di un pranzo. Ma gli annunci seducenti su Facebook, con grande rabbia dei proprietari di Dealzon, che hanno la falsa caratteristica del marchio "Dealzon.com", hanno attirato migliaia e migliaia di utenti ignari, e indirizzato a GrabSwag.com, un sito di aste a tempo che, in apparenza, vende prodotti elettronici high-end a basso prezzo: iPod a 0,38 $, TV a schermo piatto a 15 dollari, e così via. In realtà, gli utenti di GrabSwag per ogni offerta fatta spendono soldi, a prescindere dal fatto che un utente si aggiudichi l'asta o meno, il che significa che GrabSwag  guadagnà del denaro per ogni articolo venduto. (In altre parole, si dovrebbe spendere molto più di 15 $ per vincere un televisore da 15 $). Mentre si tratta d'un sistema per fare soldi terribilmente fuorviante, la cosa peggiore è che Facebook permette di pubblicizzare tale spam sul proprio social network. Solo pochi giorni fa, il Better Business Bureau aveva specificamente avvisato i consumatori di pratiche ingannevoli da parte di GrabSwag, avvertendo che il sito "pubblicizza spesso attraverso Facebook con pop-up pubblicitari e afferma falso accreditamento di BBB". Chiamatelo un aspetto negativo di una notevole crescita di Facebook: Con 750 milioni di utenti e miliardi di dollari guadagnati ogni anno, l'azienda non può controllare ogni sponsorizzazione che atterra sulle sue pagine web. Ma per i consumatori che sono stati usati da annunci GrabSwag e per i marchi come Dealzon che è stato danneggiato da una pubblicità falsa GrabSwag, Facebook deve fare molto di più per proteggere la sua piattaforma da spam e dalle pratiche ingannevoli. "Ci sono migliaia di persone che vengono al nostro sito a causa di questa offerta - questa offerta incredibile e ridicola per un iPad 12 $", dichiara a Fast Company Ian Ybarra, cofondatore di Dealzon. "E 'terribilmente dannoso per il nostro marchio", aggiunge. Dal momento che la segnalazione di spam su Facebook risale a più di due settimane fa, Ybarra e il suo team non hanno ancora ricevuto nulla in cambio, se non ricevere una risposta automatica da Facebook. "We feel like it's going into a black hole", dichiara. Ma Dealzon ha ricevuto decine di risposte da parte degli utenti cliccando sul presunto affare. "Voi ragazzi siete falsi, e gli inserzionisti falsi", si legge un reclamo inviato a Dealzon. "Si potrebbe definirlo un espediente pubblicitario ma la maggior parte delle persone lo chiamano menzogna", si legge in un altro.

L'annuncio falso di GrabSwag

"Siamo costretti ad dover spendere risorse umane per rispondere a tutte queste lettere di odio", dice Ybarra. "Gli annunci non stanno andando via. Che cosa facciamo adesso?". Ybarra non è nemmeno del tutto sicuro del perché lo spam GrabSwag abbia assiunto le caratteristiche del suo marchio, Dealzon.com, che non ha alcuna affiliazione con GrabSwag. Egli teorizza che GrabSwag ha sviluppato uno schema per ingannare il rilevamento dello spam di Facebook - che, quando Facebook controlla se l'annuncio è spam, potrebbe vedere che l'annuncio è un'offerta da Dealzon.com, come un servizio legittimo dalle tracce offerte e coupon presso i rivenditori di fiducia come Amazon, Newegg, Dell e HP. "Penso che ci stanno usando come copertura", dice Ybarra. "E 'una truffa". Dealzon vuole che Facebook di rimuova gli annunci e migliori la sua lotta contro la frode, ma non ha avuto la fortuna di entrare in contatto con l'azienda. La squadra allora ha investito nel rispondere ai reclami degli utenti, è aggiunto avvertimenti riguardo GrabSwag per i consumatori reindirizzati a Dealzon da Facebook, ed ha impostato avvisi su Google Analytics per monitorare eventuali picchi di visitatori da Facebook, che Ybarra ora fa riferimento come "il traffico abusivo". Egli suggerisce ad altre aziende online di fare lo stesso per proteggere il proprio marchio. Facebook non ha risposto alle specifiche richieste di Fast Company richieste. "Facebook sta esaminando la questione in questo momento in quanto non è ancora sicuro di quello che sta succedendo", ha detto un portavoce, che ha preso alcuni giorni per rispondere. "A questo punto, quello che posso dirvi è che Facebook non permette annunci con pratiche ingannevoli (in effetti, sono in violazione delle nostre norme pubblicitarie) e dispone di metodi per abbattere tali annunci quando il team ne è a conoscenza. In alcuni casi, alcuni possono scivolare attraverso le fessure, ma quando li troviamo o la gente ci avvisa dei cattivi annunci, li togliamo da Facebook". La società ha un team dedicato che si occupa delle denunce e richieste da aziende come Dealzon, ma sembra che la squadra non è abbastanza grande, o, per lo meno, troppo lenta nel rispondere a tali questioni. Ybarra non tratteiene il fiato per una risposta, a questo punto. "Questo è una piccolo blip", dice. "GrabSwag punta su Facebook che non cattura la sua pubblicità, o non si cura di loro, perché ogni volta che qualcuno clicca sui suoi annunci, Facebook continua a fare soldi. Facebook in realtà non ha un incentivo a chiudere il 'down': siamo una grande azienda che non avrebbe provocato un enorme tale clamore, ma solo perchè la gente deve realmente sapere. Non prendiamo in giro nessuno -. abbiamo solo da dire che GrabSwag sta pagando per i click, e Facebook sta raccogliendo i soldi ogni volta... Così si può semplicemente ignorare e speriamo che qualcuno se ne accorga", aggiunge. Noi vi consigliamo, a questo punto, di prestar attenzione agli annunci con offerte "incredibili" che vi vengono presentati sul social network.

Immagine: FacebookFast Company

Nessun commento:

Posta un commento