venerdì 15 luglio 2011

Attacco hacker al Pentagono, nuova strategia cybernetica in USA


Il Dipartimento della Difesa USA ha svelato la sua strategia per difendere le reti dei computer militari e la risposta alle crescenti minacce nel cyberspazio. Il Pentagono si sta allontanando da una difesa passiva delle sue reti di computer per trattare il cyberspazio come un "settore operativo", in cui le forze militari vengono addestrate per difendere contro gli attacchi. In un discorso alla National Defense University di Fort McNair, il sottosegretario alla Difesa William Lynn ha detto che la crescente dipendenza dalle tecnologie informatiche del Pentagono garantisce virtualmente futuri nemici sulle reti di computer per le operazioni militari. "La nostra valutazione è che gli attacchi informatici sarà una componente importante di qualsiasi futuro conflitto, se si tratta di grandi nazioni, gli stati canaglia o gruppi terroristici ", ha detto Lynn. Secondo Lynn esistono oggi  strumenti capaci di interrompere o distruggere le reti critiche causando un danno fisico, per un cambiamento strategico nella sempre pericolosa evoluzione nel cyber spazio. "Come risultato di questa minaccia, la tastiera di un paese può avere un impatto dall'altra parte del globo in un batter d'occhio. Nel 21 ° secolo, bit e byte possono essere una minaccia come proiettili e le bombe", ha proseguito Lynn. Lynn ha rivelato che all'inizio di quest'anno un servizio di intelligence straniero ha rubato 24.000 file di computer da un appaltatore della difesa dello sviluppo di sistemi per l'esercito statunitense, sotto contratto con il Pentagono.

Department of Defense Strategy for Operating in Cyberspace

Guarda gli altri documenti del Dipartimento della Difesa
L'azienda per questo condivide con il ministero della Difesa migliaia di file. Lynn ha detto che vi è uno Stato straniero dietro il furto, ma ha rifiutato di identificare quale paese sia coinvolto. Nel nuovo programma pilota, lo Strategy for Operating in Cyberspace, il Pentagono condivide informazioni classificate di intelligence sulle minacce con un certo numero di aziende per aiutarle a identificare e bloccare le attività sospette. La strategia delineata da Lynn è orientata verso la difensiva piuttosto che misure offensive. "Lungi dalla militarizzazione del cyberspazio, la nostra strategia di protezione delle reti per negare il beneficio di un attacco aiuterà a dissuadere gli operatori militari del cyberspazio da utilizzare a fini ostili", ha detto Lynn. Per Lynn notevoli progressi sono stati fatti lavorando con l'industria privata e le altre agenzie governative per rendere più sicure le infrastrutture critiche. Il sottosegretario alla Difesa ha detto che il Pentagono sta anche lavorando con gli alleati e partner internazionali per costruire le difese informatiche collettive. "Queste difese attive utilizzano sensori, software, e le firme per rilevare e bloccare codici maligni prima che colpiscano le nostre operazioni, negando così il vantaggio di un attacco", ha precisato Lynn. Lynn ha dichiarato che non è chiaro quanto danno ha fatto il furto digitale degli Stati Uniti sulla competitività economica e la sicurezza nazionale, ma ha detto che una stima recente ha stimato perdite cumulative economiche per più di 1 trilione di dollari.

Foto: http://www.wikipedia.org/

Nessun commento:

Posta un commento