giovedì 20 gennaio 2011

Falsa toolbar cambiava motore di ricerca e home page del browser

Matt Cutts, persona del gruppo antispam di google, ha puntato il dito contro Make-my-baby.com. Dichiara che è un terzo inserzionista Facebook e si tratta di uno scam. Visitando il suddetto sito web, l'utente veniva invitato a installare un tool che andava ad agire sulla configurazione del browser web, modificando la homepage e sostituendola con Bing, il motore di ricerca di Microsoft.


Microsoft ha dichiarato d'aver effettuato il recesso da un accordo commerciale con un editore che aveva violato le linee guida di affiliazione della società, cambiando lo strumento di ricerca di default nel browser degli utenti a Bing con la scusa di offrire un servizio a parte. Lo strumento (ora down), che proponeva una simulazione di un bambino virtuale da decorare, richiedeva agli utenti di installare un browser plug-in, al fine di poterlo utilizzare. Dietro le quinte, il sito cambiava al browser dell'utente il motore di ricerca predefinito per quello di Bing del colosso di Redmond. Il comportamento scorretto dell'affiliato Microsoft è stato scoperto dall'ingegnere del software di Google Matt Cutts, e il fatto ha raggiunto dimensioni critiche quando un rapporto di eMarketer ha classificato lo sconosciuto Make-My-Baby come il terzo maggiore inserzionista su Facebook, con 1.750 milioni impression nel terzo trimestre. Questo è quando Matt Cutts, ingegnere software presso Google, ha scritto sul post:
«Visitando make-my-baby.com richiede immediatamente di installare un plugin per browser. I "termini e condizioni" link vi porta a http://mmb.bingstart.com/terms/ dove trovate frasi come "Se Chrome (" CR ") è installato sul PC, si può modificare l'impostazione predefinita della tua home page CR di Bingstart.com ". Ho notato questa frase nella sezione della barra degli strumenti di Zugo: “Per disinstallare Google Toolbar, visita la Toolbar FAQ (http://www.zugo.com/toolbar/faq/)”. Purtroppo, l’URL è un collegamento inesistente. Secondo le pagine http://support.mozilla.com/en-US/questions/746034 o http://mymountain.blogspot.com/2010/ 03/how-to-remove-bingzugo-toolbar-hijack.html esistono persone che hanno avuto problemi con la disinstallazione della barra degli strumenti offerta da Zugo... Se make-my-baby.com Facebook è il 3 ° più grande inserzionista, mi chiedo quante persone abbiano effettuato l'installazione di questo software senza leggere le informazioni che dicono "Installazione della barra degli strumenti di gestione include le impostazioni predefinite di ricerca del browser e impostare la tua home page a bing.com?»

A Microsoft non è piaciuto quanto stava succedendo ed ha denunciato il "mancato rispetto" delle linee guida dei programmi di affiliazione da parte di Make-My-Baby e la conseguente decisione di cancellare la partnership con il "publisher". Questo non è l'unico caso di marketing di affiliazione, ci sono molte società di terze parti che trovano modi creativi - o vecchi modi - per convincere la gente ad accettare i termini e le condizioni in cambio di un plug-in che effettua quello o altro. Non è necessariamente illegale quando gli utenti offrono il loro consenso. Ma puzza sicuramente di comportamento non etico. Adesso il quadro della situazione si fa più chiaro. Emerge che Make-my-Baby non è in realtà il terzo maggior investitore su Facebook e, anzi, il social network ha negato del tutto ogni rapporto con tale realtà. Questo potrebbe significare che Make-my-Baby investe su altri social network, ma su quest’ultimo aspetto non vi sono conferme ufficiali. In ogni caso Bing avrebbe interrotto le collaborazioni con l'inserzionista.

Nessun commento:

Posta un commento