giovedì 4 novembre 2010

Nuova ondata di messaggi spam nelle caselle email

Alcuni spammer inviano email collettive fraudolente, definite "spoofing", per raccogliere informazioni personali. Lo spoofing, di fatto, non è una novità, ma è un pericolo nato dall'evoluzione della rete Internet stessa. L'e-mail spoofing può consistere in diverse forme, ma tutte hanno un obiettivo: truffare l'ignaro utente. L'e-mail spoofing è spesso un tentativo di ingannare l'utente facendogli fare una dichiarazione che lo possa danneggiare o divulgare informazioni riservate. E nelle ultime ore molti utenti stanno vedendosi recapitare nelle proprie caselle di posta elettronica, un messaggio proveniente da un tale Mr. Rodolph Zongo e che ha come oggetto una richiesta d'aiuto. Naturalmente è una falsa richiesta. Si tratta d'una delle più classiche truffe che arrivano nelle caselle di posta elettronica sotto varie forme e che a volte i sistemi antispam non riescono a contrassegnare come posta indesiderata.


HO BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO IN FIDUCIA,
DA: Zongo MR.RODOLPH,
Si prega di leggere con attenzione,
Questo messaggio potrebbe essere una assoluta sorpresa per voi. Tuttavia, ho l'urgente bisogno di un partner straniero che mi ha spinto a contattarvi per questa transazione. Ho avuto il vostro contatto dalla ricerca di Yahoo Viaggi, mentre ero alla ricerca di un partner straniero. Io sono sicuro della vostra capacità e affidabilità per questa grande opportunità di business che ho riservato per te. Io sono un banchiere di professione in Burkina-Faso, Africa Occidentale e attualmente ricopro la carica di dirigente nel reparto account e auditing nella nostra banca. Ho l'opportunità di trasferire sui fondi ($ 18.5 Milioni di Dollari), appartenenti al nostro cliente defunto, morto insieme alla sua famiglia in un attentato dinamitardo. Quindi, io vi invito per un affare in cui questi soldi possono essere condivisi tra di noi nel rapporto di 60/40 se siete d'accordo alla mia proposta di business. Ulteriori dettagli del trasferimento sarà trasmessa a voi non appena avrò ricevuto la vostra mail di ritorno, non appena avrete ricevuto questa lettera. Si prega di indicare la vostra disponibilità, inviando le informazioni qui di seguito per maggiori chiarimenti e la facile comunicazione.
Per maggiori dettagli, contattatemi per maggiori dettagli.
(1) IL VOSTRO NOME E COGNOME ...............................
(2) ETA' E SESSO ............................
(3) IL TUO INDIRIZZO DI CONTATTO ..................
(4) IL PROPRIO TELEFONO N0 ..........
(5) FAX ..............
(6) VOSTRO PAESE D'ORIGINE ..................
(7) LA VOSTRA PROFESSIONE .........................
Confidando che vi farete sentire immediatamente.
Grazie e migliori saluti,
Mr.Rodolph Zongo,
Email: rodolphzongo@gmail.com

Inizialmente i truffatori utilizzano messaggi di posta elettronica per adescare le loro vittime e diversi sono gli approcci utilizzati per poter truffare principalmente persone inesperte e poco attente ai pericoli della rete. Anni fa accadeva di ricevere una mail in cui uno sconosciuto si presentava dichiarando di essere un ricco abitante (di un paese prevalentemente africano), che doveva far uscire dal proprio paese una cospicua somma di denaro e, a tal fine, aveva bisogno di un prestanome in cambio di un’alta percentuale di questo bottino. Molti purtroppo sono caduti nell’inganno inviando in anticipo somme che sarebbero servite teoricamente a pagare spese notarili ma che poi alla fine risultavano proprio il vero scopo della truffa e cioè il furto sia di denaro che di dati sensibili. Questo è sostanzialmente il funzionamento della truffa, diffidate degli account esteri che vi chiedono di anticipare soldi oppure merce, mai divulgare dati personali e diffidate di chi vi contatta da altri paesi extra-europei.

2 commenti:

  1. Per evitare spam e allegati pericolosi mi sono affidato a Kaspersky
    leggete quest'articolo molto interessante

    http://www.facebook.com/notes/kaspersky-lab-italia/nel-terzo-trimestre-2010-raddoppia-lo-spam-con-allegati-pericolosi/175480782464150

    RispondiElimina
  2. Marco, se hai la possibilità di contattarci direttamente te ne saremmo grati.

    RispondiElimina