giovedì 21 ottobre 2010

Scoperto sito pedopornografico con bimbi legati e violentati


Centinaia di video con immagini agghiaccianti di pedofilia e sfruttamento sessuale dei bambini: minori ripresi con gatti e cani, violati dai pedofili e dagli animali, bambini imbavagliati, legati. E' quanto hanno scoperto i volontari che lavorano per il portale dell'Associazione Meter di don Fortunato Di Noto, da sempre pioniere nella difesa dell'infanzia.

Un portale, ancora attivo, con 700 bambini di cinque anni, legati e imbavagliati, con gatti e cani, violati dai pedofili e dagli animali. A fare la macabra scoperta sono stati i volontari dell'associazione Meter di don Fortunato Di Noto, che lo hanno subito denunciato alla polizia postale e delle comunicazioni di Catania e al centro nazionale contro la pedofilia online (CNCPO) di Roma. Nel portale ci sono 469 video e i filmati sono in vendita. Ecco i prezzi: accesso per un mese 200 dollari, 3 mesi 400, un anno 600. Ogni video è descritto per contenuti ed età dei piccoli protagonisti. La suddivisione riporta categorie come lolite, antiche, bambini, esotiche, incesto, lesbiche, realtà, shock, guardoni.


''La nuova terribile scoperta di un portale dal contenuto pedofilo e del coinvolgimento di addirittura settecento bambini in questi traffici ignobili, non puo' che farci riflettere. Ci consola poco sapere che, grazie a Don Di Noto e alla Polizia Postale, questo sito scomparira' dalla rete e che l'Italia vanta nel contrasto alla pedofilia e alla pedopornografia leggi avanzatissime. Una normativa che diventera' ancora piu' completa, con il reato di adescamento via internet, aggravanti di pena e raddoppio dei termini di prescrizione, con l'approvazione definitiva della Convenzione di Lanzarote, sulla quale si sta per esprimere il Senato''.


Cosi' il ministro per le Pari Opportunita', Mara Carfagna, sulla denuncia dell'associazione Meter dell'esistenza di un sito web che vende filmati a contenuto pedofilo. ''Per contrastare questo terribile fenomeno abbiamo il dovere di investire sulla prevenzione. Ho voluto quindi che il nostro Paese fosse il primo ad aderire e diffondere la campagna realizzata dal Consiglio d'Europa contro la violenza sessuale sui bambini, 'Stop child abuse', che sara' presentata a Roma il 29 novembre e diffusa nelle settimane successive, attraverso non solo i media convenzionali, ma anche attraverso strumenti diversi, come, per esempio, i cartoni animati, destinati ai piu' piccoli'', conclude il ministro. Fonte: ASCA

Nessun commento:

Posta un commento