venerdì 29 ottobre 2010

Scoperta vulnerabilità critica in Adobe Flash, Reader e Acrobat

Una nuova pericolosa vulnerabilità è presente in Flash Player e definita come critica. Lo hanno confermato i tecnici di Adobe che promettono il rilascio di un aggiornamento risolutivo entro due settimane. Anche Reader ed Acrobat sono affetti dalla medesima falla di sicurezza dal momento che entrambi i prodotti sono in grado di visualizzare e riprodurre contenuti Flash eventualmente presenti all'interno di documenti in formato PDF.

Secondo Adobe la falla sarebbe già stata presa di mira e sfruttata per sferrare diversi attacchi in Rete. Per il momento, però, non si sono rilevati attacchi a Flash Player mentre le aggressioni si sarebbero concentrate su Reader ed Acrobat, attraverso la diffusione di file PDF "maligni". Secondo un advisory pubblicato dalla società, le vulnerabilità possono essere sfruttate da hacker malintenzionati per eseguire codice dannoso sul computer della vittima. Adobe afferma che la versione 10.1.85.3 e precedenti di Flash Player per i Windows, Macintosh, Linux e sistemi operativi Solaris sono vulnerabili. Inoltre, Adobe Flash Player 10.1.95.2 e precedenti versioni per Android, e la componente authplay.dll fornita con Adobe Reader 9.4 e versioni precedenti per Windows 9.x, sistemi operativi Macintosh e UNIX sono a rischio. Infine, Adobe Acrobat 9.4 e versioni precedenti 9.x per sistemi operativi Windows e Macintosh sono anche vulnerabili. Adobe dice che sta lavorando per risolvere la vulnerabilità ancora senza patch, e spera di fornire un aggiornamento per Flash Player 10.x (per le piattaforme Windows, Macintosh, Linux e Android) entro il 9 novembre.
Adobe Reader e Acrobat 9.4 e precedenti sono programmati per essere aggiornati durante la settimana del 15 novembre per Windows e Mac OS X. Come consiglio a beneficio degli utenti di Reader e di Acrobat, gli esperti suggeriscono la valutazione di software alternativi (Foxit Reader, ad esempio, non risulta affetto dalla medesima vulnerabilità) oppure di disattivare temporaneamente il supporto della tecnologia Flash all'interno dei file PDF. Il "workaround" suggerito dagli stessi tecnici di Adobe consiste nella ridenominazione o nell'eliminazione del file authplay.dll (sui sistemi Windows; AuthPlayLib.bundle sui Mac e libauthplay.so.0.0.0 sulle macchine Unix-based). Effettuata quest'operazione, qualora si dovesse aprire un documento PDF contenente elementi realizzati in Flash, Reader od Acrobat andranno in crash ma si eviterà l'esecuzione di codice dannoso. Gli utenti possono monitorare le informazioni più recenti sui prodotti Adobe consultando la pagina del team di sicurezza di Adobe Incident Response Team Security blog al seguente URL: http://blogs.adobe.com/psirt o sottoscrivendo il feed RSS qui: http://blogs.adobe.com/PSIRT/atom.xml.

Nessun commento:

Posta un commento