mercoledì 15 settembre 2010

Avg: su Facebook oltre 11 mila pagine infette


Il social networking può essere enormemente gratificante perchè permette di tenersi facilmente in contatto con parenti e amici, la condivisione di foto, aggiornamenti di status, note, video e molto altro. Ma mentre questo sembra abbastanza innocuo, la popolarità incredibile di siti di social networking ha fatto loro un bersaglio perfetto per i cyber criminali che cercano di entrare in possesso dei vostri dati preziosi e dei vostri amici,  dirottando la rete sociale attraverso un post "divertente" e aggiornamenti di stato (una pratica chiamata Status Jacking), che possono causare imbarazzo o peggio. Non sorprende la ricerca di AVG che ha riscontrato quasi 20.000 pagine compromesse contenenti minacce web che potrebbero danneggiare il computer o portare via i vostri dati personali. Ovviamente più si utilizzano questi siti web e più possibilità ci sono di inciampare in una pagina compromessa. La ricerca di AVG mostra che sono particolarmente a rischio gli utenti di età compresa tra 18-25 anni, a causa del fatto di utilizzare i social network più di ogni altro settore della popolazione, combinata con il fatto che la hanno meno probabilità di prendere sul serio la sicurezza Internet o la privacy. L'analisi ha utilizzato il nuovo portale di informazioni sulle minacce chiamato AVG Threat Labs, che fornisce immediatamente l'analisi di sicurezza di un sito web, comprese le statistiche di rilevazione, mostrando 19.491 pagine web compromesse attraverso le 50 reti sociali top a livello mondiale. Di questi più della metà, 11.701 sono su Facebook, la più grande rete sociale del mondo.


YouTube risulta avere anche una notevole quantità pagine web compromesse e cioè ben 7.163. Un recente studio americano ha dimostrato che tre quarti degli utenti di Internet, di età compresa tra 18 e 25 anni usano i siti di social networking, mettendo la loro identità particolarmente a rischio. E così AVG avvisa gli studenti, molti dei quali tornano all'Università nelle prossime settimane, di fare attenzione quando utilizzano siti di social networking e di non lasciare i profili aperti agli attacchi. Sebbene  gli adulti che usano i siti web di social networking è cresciuto rapidamente negli ultimi anni, il loro numero resta sempre inferiore. A partire da settembre 2009, il 47% degli adulti online ha utilizzato un sito di social networking, rispetto al 73% di adolescenti. La percentuale di adulti che fanno uso di reti sociali online è cresciuta dall'8% degli utenti Internet nel febbraio 2005 al 16% in agosto 2006 e fino al 37% nel novembre 2008. In una giornata tipica nel 2009, poco più di un quarto (27%) degli utenti internet adulti ha visitato un sito di social networking. In coincidenza con la ricerca, AVG ha lanciato una campagna contro lo Status Jacking, mettendo in luce questa tendenza in crescita soprattutto tra gli studenti che trovano criminali in amici burloni e che qualche volta, hanno effettuato l'accesso sul proprio account di rete sociale e pubblicato gli aggiornamenti per loro. La campagna di AVG è stata progettata per educare gli studenti sui pericoli di navigare non protetti sulle reti sociali, e della necessità di effettuare correttamente sempre il logout a fine sessione.

Via: http://free-product.blog.avg.com/

.

Nessun commento:

Posta un commento