domenica 18 luglio 2010

“Perfect Citizen”: il nuovo progetto Usa contro i cyber-attacchi


Un nuovo progetto per proteggere le infrastrutture pubbliche e le reti particolarmente critiche, come quella elettrica, quella per i piani di impianti nucleari, le reti informatiche e quella Internet.

Si chiama “Perfect Citizen” il nuovo progetto della NSA, la National Security Agency, organismo governativo degli Stati Uniti che, con la CIA e l’FBI, si occupa della sicurezza nazionale. Il progetto ha come obiettivo quello di proteggere le infrastrutture pubbliche e le reti particolarmente critiche, come quella elettrica, quella per i piani di impianti nucleari, le reti informatiche e quella Internet da possibili attacchi che provengono dal cyberspazio.

Questo nuovo sistema si basa, come descritto anche dal “Wall Street Journal“, su una serie di sensori che verranno distribuiti sulla rete informatica e che saranno in grado di individuare eventuali aggressioni alle verie reti così da poter lanciare immediatamente l’allarme. Il contratto è stato stipulato, per oltre 100 milioni di dollari, con la società di elettronica, esperta nel settore militare, Raytheon.


Più volte in passato è stato sottolineato come il sistema di sicurezza degli USA fosse alquanto debole e predisposto ad eventuali attacchi (soprattutto da parte di Cina e Russia). E grazie a Bush prima e a Obama adesso, la volontà di innalzare barriere difensive intorno alle reti statunitensi si è fatta sempre più forte. Il nome del progetto, “Perfect Citizen”, prende spunto dal romanzo di George Orwell.

Il “Perfect Citizen” della NSA viene definito dai suoi critici come una pesante intromissione governativa nel settore delle aziende private e si teme l’intromissione anche nelle vite dei comuni cittadini americani. Ma stando a quanto afferma l’intelligence stessa, il progetto risulta essere indispensabile per arginare una sempre più crescente minaccia nei confronti delle infrastrutture cruciali.

Fonte: http://www.newnotizie.it/
Tags: Sicurezza Web, Sicurezza, Progetti

Nessun commento:

Posta un commento