martedì 15 giugno 2010

Applicazione falsa su Facebook: "La maestra ha quasi ucciso quel ragazzo"

Una nuova applicazione spam su Facebook, cerca d'ingannare gli utenti al fine di sottrarre informazioni e accedere al loro profilo. Secondo la società di sicurezza Sophos, più di 190.000 persone hanno già cliccato su un link inviato da questa applicazione canaglia che promette di mostrare un "video scioccante" di una insegnante che aggredisce fisicamente un ragazzo.  Il link bit.ly reindirizza gli utenti a una pagina Facebook che spinge gli utenti a dar il consenso ad un'applicazione chiamata "Maestra quasi uccide ragazzo di 13 anni d'età. Lo colpisce!". Un tipico messaggio recita: "Sono scioccato! L'insegnante ha quasi ucciso questo ragazzo: http://bit.ly/aWeBMl - scandalo in tutto il mondo!"
L'applicazione chiede il consenso per accedere alle informazioni del profilo ed il permesso per pubblicare sulla bacheca degli utenti. Per adesso non sembra che l'applicazione faccia qualcosa di più di postare il link spam per lasciare il newsfeed nella speranza di indurre più utenti possibili, ma il messaggio successivo al post dell'applicazione potrebbe essere molto più pericoloso.
Si spera che Facebook intervenga tempestivamente per arrestare questa e ad altre applicazioni canaglia sul social network. Se siete stati colpiti da questo attacco, controllare le impostazioni della privacy e rimuovete l'applicazione dal vostro profilo. Inoltre, eliminate tutti i messaggi relativi al newsfeed, per non spingere i vostri amici a cliccare e cadere nella stessa trappola.
La falsa applicazione fà riferimento all'insegnante del liceo Jamie's House Charter School di Houston, che a maggio scorso aveva picchiato selvaggiamente un suo alunno adolescente, come lei afro-americano. La vicenda era emersa grazie ad un video choc registrato da un cellulare di un compagno di scuola della vittima, che ha fatto il giro delle tv americane ed e' stato cliccatissimo su Youtube.
Via: Mashable
Tags: Facebook Spam, Facebook Privacy, Facebook Sicurezza

Nessun commento:

Posta un commento